Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Incidente ferroviario, Cisl Sondrio chiede sicurezza per i trasporti lombardi e un salto di qualità coi nuovi treni

venerdì, 21 agosto 2020

Sondrio – “L’incidente verificatosi a Carnate sulla linea ferroviaria Lecco Milano, che ha visto il deragliamento di un treno partito senza personale al comando, ci spinge ancora una volta a considerare l’importanza della sicurezza nel trasporto ferroviario. 

treni trenord ferrovie binariL’episodio, che fortunatamente non ha prodotto vittime ma che, comunque, poteva assumere proporzioni gravissime oltre che drammatiche, ci preoccupa e ci induce a pensare che sulle nostre linee ferroviarie, oggi, siamo ben lontani dal raggiungimento di standard di sicurezza accettabili.  

Al di là delle responsabilità, che saranno oggetto di accertamento da parte delle autorità competenti, rimaniamo comunque stupiti dal fatto che un treno possa mettersi in movimento da solo percorrendo diversi chilometri senza guida e che non vi sia un sistema di sicurezza che, anche mediante l’utilizzo di sensori, provveda automaticamente a fermare il treno in assenza del macchinista. Un sistema, cioè, che, anche nell’eventualità di un “errore umano”, possa intervenire evitando conseguenze deleterie se non addirittura catastrofiche.

Purtroppo, dobbiamo considerare che la gran parte dei treni in dotazione a Trenord ed attualmente in circolazione sulle nostre linee ferroviarie, non permette condizioni di completa sicurezza, soprattutto, in considerazione della vetustà dei convogli. 

Auspichiamo che un salto di qualità in termini di maggiore sicurezza possa determinarsi con l’arrivo dei nuovi e più moderni convogli che, stando a quanto annunciato dal Dirigente di Trenord Andrea Galletta nel corso di un incontro tenutosi in Prefettura a Sondrio il 28 luglio, dovrebbero essere immessi sulle linee ferroviarie che interessano la nostra provincia al più tardi nel corso del mese di ottobre 2020 e che andrebbero a sostituire i vecchi treni attualmente in circolazione“: con questa dichiarazione, il Referente Settore Trasporti CISL Sondrio, Michele Fedele, si unisce al coro che chiede sicurezza – oltre a puntualità e limitazioni di vari disagi che in ogni stagione accompagnano i pendolari – sui treni lombardi.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136