Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Disinnesco ordigno bellico a Bolzano, il piano evacuazione

venerdì, 25 settembre 2020

Bolzano – L’ordigno bellico dal peso di 500 libbre della Seconda Guerra Mondiale ritrovato a Bolzano durante i lavori di scavo per la realizzazione di un centro commerciale sarà disinnescato domenica 27 settembre, tra le 9.30 e le 11.

Il piano predisposto per il disinnesco prevede l’evacuazione tre le 6.30 e le 8.45 di 4mila persone, che rientrano nella cosiddetta zona rossa. Inoltre dalle 8.45 sarà vietata la circolazione di mezzi privati e durante le operazioni l’autostrada A22 e la statale del Brennero, come anche la linea ferroviaria del Brennero saranno interrotte. Ultimo treno in partenza dalla stazione di Bolzano sarà il Freccia Argento per Milano delle 8.45.

Ordigno bellico -Vadena credit foto Alessandro BeatiE’ inoltre prevista una “zona gialla” a circa due chilometri dal luogo di ritrovamento della bomba, con 57.764 persone interessate, per loro sarà obbligatorio rimanere nelle proprie abitazioni o, comunque all’interno di un immobile dalle 9 (nella foto credit Alessandro Beati un precedente disinnesco di ordigno bellico a Vadena).

Il disinnesco della bomba di 500 libbre sarà effettuato dal 2° reggimento genio guastatori alpino della Brigata alpina Julia. Dopo la rimozione delle due spolette l’ordigno sarà trasferito in una cava a Varna (Bolzano), dove sarà fatta brillare. La città di Bolzano sarà tagliata in due nella mattinata di domenica e il ritorno alla normalità è previsto attorno a mezzogiorno.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136