Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Covid-19 sul lavoro, fino a settembre 428 denunce in provincia di Sondrio di cui tre mortali: i dati

venerdì, 25 settembre 2020

Sondrio – Dai dati elaborati dall’INAIL Lombardia, in provincia di Sondrio e fino al 31 agosto, sono pervenute 428 denunce di infortunio sul lavoro legate all’infezione da Covid-19. Oltre il 75% ha riguardato lavoratrici donne (328) e la fascia di età più colpita è stata quella dai 50 ai 64 anni con 219 denunce, ossia oltre il 50% delle lavoratrici e dei lavoratori che hanno denunciato di aver contratto l’infezione in costanza di lavoro. Il grosso delle denunce, oltre il 75% (320), è pervenuto entro il mese di maggio ed è cioé riferibile al periodo più critico della pandemia, mentre, una percentuale inferiore al 25% degli infortuni da covid (108) è stata denunciata nel periodo estivo tra giugno e agosto. Tre dei 428 infortuni denunciati ha avuto, purtroppo, esito mortale.

Cisl Sondrio - Pirellone - Gdv“Questo è un dato tragicamente rilevante se rapportato allo stesso dato di altre province lombarde che hanno un numero complessivo di lavoratrici e lavoratori nettamente superiore a quello della nostra provincia. Ad esempio, le province di Lecco, Lodi e Mantova registrano un dato di mortalità inferiore a quello della provincia di Sondrio, avendo ciascuna 2 casi di denunce con esito mortale e, al contempo, la nostra provincia si assesta sugli stessi numeri di mortalità registrati dalle province di Como e Varese (3 casi), territori questi ultimi che, però, hanno una popolazione lavoratrice di gran lunga superiore alla nostra.  Ricordiamo che le infezioni da covid-19, contratte in ambito lavorativo, sono considerate  a tutti gli effetti infortunio sul lavoro, e ciò in base alla previsione legislativa contenuta nel cd. “decreto Cura Italia” del marzo 2020 e ricordiamo, inoltre, che il “decreto liquidità”, nel mese di aprile 2020, ha delineato le responsabilità del datore di lavoro che ometta di porre in essere le misure di contrasto e di contenimento dell’infezione, misure queste che devono essere previste da appositi protocolli aziendali.  Riteniamo che non sia da escludere che il numero degli infortuni denunciato in provincia di Sondrio dopo il mese di maggio, che è largamente inferiore rispetto a quello denunciato prima, sia dipeso, oltre che dall’effetto delle misure concordate e contenute nei protocolli nazionali sottoscritti dal sindacato assieme alle parti datoriali, anche e soprattutto, dal lavoro dei comitati previsti dai suddetti protocolli ed istituiti presso numerose aziende della nostra provincia. Detti comitati vedono la partecipazione delle rappresentanze sindacali, assieme alle componenti aziendali, per rendere effettiva, all’interno di ogni azienda, la tutela della salute dei lavoratori anche attraverso un’attenta vigilanza nei luoghi di lavoro sul rispetto delle misure previste per contrastare l’infezione pandemica in corso”, l’analisi del Referente CISL Sondrio Sicurezza sul Lavoro, Michele Fedele.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136