Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Commercianti e operatori turistici della Valtellina attaccano il Governo Conte

sabato, 7 novembre 2020

Sondrio – I commercianti, gli operatori del turismo e gli esercenti valtellinesi attaccano il Governo Conte. “L’ultimo provvedimento – sostengono gli esercenti – è discriminatorio e fa pagare al comparto del commercio il prezzo più alto delle conseguenze legate alle nuove regole per contenere la pandemia”.

L’Unione del commercio e del turismo della provincia di Sondrio ha inviato una lettera al ministro della Salute Roberto Speranza e al presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, con una richiesta: “escludere il territorio lombardo e, in particolare, la provincia di Sondrio dalla zona rossa”.

I commercianti valtellinesi puntano l’indice sul sistema della mobilità: “La vera responsabilità di questa recrudescenza del contagio è per la mancanza di una valutazione di tutti gli effetti collaterali che si accompagnano alla mobilità”. E l’Unione del Commercio parla di beffa: “Dopo il notevole dispendio di energie e denaro che hanno messo in campo sia per adeguarsi ai protocolli di sicurezza, adottando tutti i dispositivi previsti per la sanificazione, sia per riorganizzare l’attività”. Ora chiedono maggiori “ristori” per compensare la mancata attività.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136