Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Ciclo di incontri di Confindustria Trento al via: “Siamo geneticamente costretti a vivere nel futuro”

martedì, 8 settembre 2020

Trento – Si è aperto con l’appuntamento “Predittività finanziaria per la sostenibilità dei mercati internazionali” il ciclo di incontri “Una certa idea di futuro”, organizzato in modalità streaming da Confindustria Trento, in collaborazione con l’Università degli Studi di Trento, nell’ambito degli eventi formativi che l’Associazione degli industriali trentini organizza per le imprese associate. Il percorso, rivolto agli attori del mondo economico e accademico e aperto a un pubblico indifferenziato, vuole essere un’occasione di confronto per riflettere, grazie al contributo di relatori illustri, sui cambiamenti in atto e sui nuovi scenari che si prospettano.

cfOspite dell’appuntamento è stato Edoardo Narduzzi, scrittore, giornalista e imprenditore con una specializzazione ad Harvard. “Non è possibile – ha detto lui – prevedere il futuro senza nessun margine di incertezza: anche in una società con un livello di capacità predittiva così ricco come mai nel passato, la nostra capacità di prevedere viaggia a macchia di leopardo. Eppure l’imprenditore deve essere attrezzato per vivere nel futuro, perché è una persona geneticamente costretta a farlo: a immaginare quel che succede, sapendo che nel futuro c’è sempre un elemento di rischio”.

“Questi incontri – ha spiegato il presidente degli industriali trentini Fausto Manzana – fanno parte delle iniziative rivolte alla formazione dei capi d’azienda a cui mi ero prefisso di lavorare nel mio programma e che ho affidato a Stefania Segata e Marcello Lunelli. A seguito della pandemia il progetto è stato necessariamente ripensato, nel format e nei contenuti: di qui il titolo, per dire della volontà di riflettere sui nuovi scenari che ci attendono e su questa particolare e delicata fase di transizione verso un nuovo mondo”.

Gli incontri, moderati da Alessandro Garofalo, innovatore, ceo e founder di Garofalo & Idee Associate, oggi affiancato dal prorettore al supporto al sistema produttivo dell’Università degli Studi di Trento Flavio Deflorian, vedranno la partecipazione di relatori con una solida esperienza accademica o imprenditoriale di respiro nazionale e internazionale.

Il programma dei prossimi appuntamenti prevede gli interventi di Alberto Sangiovanni Vincentelli, titolare della Buttner Chair del Dipartimento di Eecs all’University of California, Berkeley, in calendario per il 6 ottobre 2020, di Alessandra Faggian, professoressa ordinaria di Economia Applicata, direttrice dell’Area di Scienze Sociali e Prorettrice presso il Gran Sasso Science Institute a L’Aquila, previsto per il 24 novembre 2020 e di Emilio Rossi, presidente & cfo della Zf Automotive Italia, Gruppo Zf, che concluderà il ciclo il 26 gennaio 2021.

Gli incontri tratteranno di tematiche diverse: dall’innovazione alla finanza, dall’economia alla mobilità. Per informazioni e iscrizioni: http://www.confindustria.tn.it/Re-win-una-certa-idea-di-futuro-formazione



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136