Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Bolzano: professionisti soddisfatti del format HHH di Klimahouse

mercoledì, 29 gennaio 2020

Bolzano - Klimahouse ha riconfermato il suo ruolo di fondamentale punto d’incontro per gli amanti del “costruire bene”. Quest’anno però è stato aggiunto un importante tassello alla tematica dell’efficienza energetica in edilizia, ovvero quello della salubrità abitativa – in linea con la necessità impellente del “vivere bene”. È per approfondire questa tematica, forse ancora troppo poco esplorata, che sabato 25 gennaio – ultimo giorno di fiera – si sono riuniti oltre 120 professionisti in quella che è stata la prima tappa del format HHH (HOME, HEALTH &HI-TECH), promosso dal partenariato universitario CNT-Apps e ideato da un cluster di esperti (nelle foto alcuni momenti di HHH – Klimahouse 2020 credit foto Marco Parisi).

HHH - Klimahouse 2020 - credit foto Marco ParisiL’obiettivo? Riunire medici, infermieri, personale sanitario, architetti, geometri, associazioni di condomini e giornalisti per riflettere sulla salubrità indoor e quindi sensibilizzare l’opinione pubblica in merito. Il punto-chiave della questione è che vivere in edifici sani è importante tanto quanto alimentarsi correttamente e fare esercizio fisico: è fondamentale quindi creare una cultura diffusa tra professionisti, ma anche e soprattutto tra privati cittadini. Una sfida collettiva che Fiera Bolzano ha accolto con piacere!

Tra le tante tematiche affrontate durante questa prima tappa, il problema dell’umidità – di risalita capillare e di condensa -, quello della ventilazione degli ambienti nonché il legame tra architettura fisica e benessere piscologico.

Molti gli spunti emersi, tra cui qualche semplice accorgimento quotidiano: arieggiare frequentemente – in maniera diretta o attraverso appositi impianti – per evitare la produzione di umidità e quindi la formazione di muffe dannose. Importante inoltre limitare gli inquinanti indoor attraverso, ad esempio, un utilizzo moderato di candele, profumi e solventi chimici, così come di fuochi di cottura o stufe a fiamma libera senza una cappa di aspirazione verso l’esterno.

HHH Klimahouse 2020 - credit foto Marco ParisiCommento del dottor Antonio Gambato, tecnico della prevenzione Azienda Sanitaria dell’Alto Adige: “È dimostrato che l’ambiente in cui viviamo influisce notevolmente sulla salute delle persone. Considerato che oggi trascorriamo gran parte del nostro tempo in ambienti costruiti (asili, scuole, case, luoghi di lavoro ecc.), la qualità dell’aria interna (IAQ=Indoor Air Quality) riveste un ruolo molto importante nella prevenzione e nella tutela della salute pubblica. Una buona progettazione/edificazione (uso di materiali adeguati) e una successiva corretta conduzione e manutenzione degli edifici sono quindi i principali presupposti per ottenere edifici salubri”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136