Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
w

Ad
Ad
 
Ad


Attività, mercati e scuole, nuova ordinanza in Alto Adige per le riaperture da settimana prossima

martedì, 24 novembre 2020

Bolzano – Si va verso un allenamento delle restrizioni previste in Alto Adige per quanto riguarda la gestione della pandemia da Covid-19. Riapertura delle attività economiche, lezioni in presenza per le scuole in provincia di Bolzano. Foto @ASP – Claudia Corrent.

kompatscher ASP:Claudia CorrentLa Giunta provinciale, nel corso della seduta di oggi, ha posto le basi per una nuova ordinanza (verrà firmata nei prossimi giorni) che prevederà un allentamento delle restrizioni previste in Alto Adige per contrastare la diffusione del Covid-19. “Grazie agli sforzi di tutte le cittadine e di tutti i cittadini – ha sottolineato il presidente Arno Kompatscher – sia per quanto riguarda il rispetto delle regole, sia per quanto riguarda la partecipazione in massa allo screening diffuso dei giorni scorsi che ha permesso di isolare qualche migliaio di positivi asintomatici, possiamo pensare ad una riapertura parziale. Gli esperti ci dicono che il fattore RT, ovvero l’indice di trasmissione del contagio, sta diminuendo, e che continuerà a farlo nei prossimi giorni. Per questo motivo, pur con molta prudenza e grande attenzione, possiamo pensare ad una serie di riaperture per quanto riguarda le attività economiche e la scuola. Ciò però – ha aggiunto il presidente – non significa che ora si possa abbassare la guardia: la pressione sulle strutture sanitarie è ancora elevata, ed è necessario l’impegno di tutti per il rispetto delle indicazioni su distanze, obbligo di indossare le mascherine e igiene delle mani”.

In concreto, il presidente Kompatscher ha anticipato che, a partire da lunedì, le prime classi delle scuole medie potranno tornare a frequentare le lezioni in presenza, e potranno riaprire i mercati e una serie di attività economiche tra cui, ad esempio, barbieri ed estetisti. Tutto ciò fino al 3 dicembre, quando l’Alto Adige dovrebbe essere rivalutato dal Comitato tecnico-scientifico del Ministero della salute e, alla luce degli attuali dati sanitari, passare dalla cosiddetta zona rossa alla zona gialla. “Tutto ciò – ha spiegato il presidente altoatesino – potrà consentirci di allinearci alle norme previste a livello nazionale, ovvero con la riapertura della gran parte delle attività commerciali al dettaglio, nonché di bar e ristoranti (fino alle ore 18). Anche le seconde e le terze classi delle scuole medie, a partire dal 4 dicembre, potranno tornare a frequentare le lezioni in presenza. Per prendere queste scelte – ha concluso Kompatscher – che diventeranno ufficiali nei prossimi giorni, ci baseremo sui riscontri scientifici che riceveremo dagli esperti del settore e sulla fiducia che abbiamo nelle nostre concittadine e nei nostri concittadini”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136