Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Arco, festa per i 101 anni di Giulia Miorelli

lunedì, 5 ottobre 2020

Riva del Garda – Grande festa, venerdì alla casa di soggiorno Sacra Famiglia ad Arco, per il 101° compleanno di Giulia Miorelli, nata il 2 ottobre 1919 a Riva del Garda. sdrCausa la pandemia, i familiari – quattro figli con nipoti e pronipoti – si sono potuti trattenere solo mezz’ora, a turno e mantenendo la distanza di sicurezza, ma questo non ha impedito che fosse una bella festa. Giulia Miorelli ha ricevuto tra gli altri omaggi due mazzi di fiori, uno dal Comune di Riva del Garda (dove è nata e dove ha sempre vissuto) e uno dal Comune di Arco (dato che da qualche anno è ospite della RSA delle Piccole Suore della Sacra Famiglia in via Nas), con i biglietti di auguri firmati dai rispettivi sindaci.

Figlia di Angelo Miorelli di Bolognano e di Sofia Antonia Ferrari di Tiarno di Sotto, nel 1940 ha sposato Cornelio Galas, di professione camionista, noto a Riva del Garda e nella Busa per il suo motoscafo turistico. Ha avuto sei figli: Bruno (padre Bruno Galas, missionario in Ecuador), Renzo (morto a 5 mesi), Antonietta, Marialuisa, Sergio e Renzo. Fin dai 18 anni di età ha lavorato a servizio presso famiglie della città, trasferendosi per un periodo a Bologna; dall’età di quasi 50 anni, dopo l’ultimo figlio si è dedicata esclusivamente alla famiglia.

“Le piaceva tanto cantare e recitare -raccontano i figli- ed è molto religiosa. Ha un carattere umile e rivolto al prossimo, e come mamma è stata sempre amorevole e piena di cure. Una delle tante cose che ci ha insegnato è a stare attenti al risparmio, ad evitare gli sprechi e a non avere più di quello che ci possiamo permettere. Quello che possiamo dire per certo è che si è sempre fatta voler bene da tutti”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136