Ad
a
Ad
Ad


Strettoia di Lorengo e sicurezza della statale 42: le richieste della Valle Camonica

giovedì, 5 maggio 2022

Berzo Demo – “La strettoia di Lorengo, sulla statale 42 del Tonale tra Berzo Demo (Brescia) e Malonno (Brescia) è sempre più pericolosa“. E’ così da anni e nonostante le segnalazioni di cittadini dei due paesi della Valle Camonica, amministrazioni comunali, professionista Santo Spavetti e automobilisti di passaggio, che hanno più volte scritto ad Anas per trovare una soluzione, nulla finora è stato realizzato. Il costo dell’allargamento della statale a Lorengo – in un tratto di circa 100 metri – sarebbe meno di 10mila euro, ma in diversi anni di battaglie non è stata trovata una soluzione. La strettoia è pericolosa al passaggio di mezzi pesanti e in caso di incidente – come sottolineato in alcune missive, la responsabilità sarebbe del gestore.

Intanto emergono altri problemi di sicurezza, evidenziata dal professionista Santo Spavetti: i guard-rail sono in stato di degrado tra Edolo (Brescia) e il Passo del Tonale. Da Ponte di Legno al Passo Tonale, dove ci sono un paio di restringimenti per mini smottamenti, Anas ha programmato e annunciato in una recente conferenza di servizi dell’Unione dei Comuni dell’Alta Valle Camonica che prevede un intervento di manutenzione straordinaria per circa un milione di euro tra Ponte di Legno e il Passo Tonale, con la sistemazione anche di alcuni tratti dove ci sono stati smottamenti e guardrail divelti, durante l’estate.  I guard-rail devono essere messi a norma, sistemati, visto che sono ammalorati o per incidenti – come quello accaduto ieri a Vione – oppure per il tempo.

Infine il professionista Santo Spavetti, che ha più volte incalzato Anas con lettere e richieste di chiarimenti (anche su strade della Valtellina, in particolare la tangenziale di Tirano),  evidenzia la priorità di investimenti sulla sicurezza, in particolare le barriere pericolose in alcuni tratti della statale in Bassa Valle Camonica e la necessità di “investire” nel disboscamento degli svincoli, in particolare tra Darfo e Pian Camuno.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Pierangelo Panzeri - P. IVA 03457250136