Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-
Lunedì, 26 febbraio 2024

Sonico: intesa sulle opere di protezione dalle esondazioni dell'Oglio

Sonico (Brescia) - Sottoscritta la convenzione tra Comune di Sonico, Anas, Regione Lombardia e Comunità Montana di Valle Camonica per la realizzazione dei lavori a protezione dalle esondazioni del fiume Oglio sulla statale 42 del Tonale in corrispondenza del torrente Rabbia, in località Mollo di Sonico. Il problema della Val Rabbia si è manifestato con tutta la sua forza durante la colata detritica del 27 agosto 2020. Il sindaco di Sonico, Gian Battista Pasquini, ha proposto l'importante intervento e oggi è stata sottoscritta la convezione tra i quattro enti per realizzare l'opera, nell'arco di 23 mesi, con un investimento di 3.750.000 euro, a carico di Regione Lombardia e Anas, mentre gli studi preliminari sono stati effettuati dalla Comunità Montana di Valle Camonica.


I lavori da realizzare prevedono interventi per rialzare un tratto della statale 42 in modo da proteggerla maggiormente sia dalle piene del fiume Oglio sia dalle colate detritiche che scendono lungo il torrente Rabbia. L'impatto in termini di mitigazione del rischio idrogeologico, interesserà quindi direttamente il Comune di Sonico e indirettamente quello di Malonno che risulterà così maggiormente protetto dalle esondazioni



IL SINDACO DI SONICO - "Innalzare la livelletta - spiega il primo cittadino di Sonico - potrà proteggere definitivamente la strada dall’urto furioso della Val Rabbia ed evitare l’esondazione verso Malonno con la conseguente divisione in due della Valle Camonica". "L’idea - prosegue Gian Battista Pasquini (nella foto) - mi è venuta subito dopo l’esperienza di tre giorni di forte tensione con gli eventi della colata detritica e della piena dell’Oglio tra il 27 e 29 agosto 2020".


A rischio c’è l’economia dell’alta Valle e, anche, il suo sviluppo futuro: le opere realizzate negli scorsi anni tengono, ma va risolta la debolezza del basso franco idraulico in località Mollo. "Sono stati tre anni di lavoro continuo a combattere contro la burocrazia e a mettere in fila il tipo di intervento - aggiunge Gian Battista Pasquini - ma valeva la pena per raggiungere l’obiettivo. Il mio ringraziamento va a Regione Lombardia che ha fin da subito stanziato parte del soldi credendo nell’intervento, alla Comunità Montana che si è fatta carico degli studi preliminari, ad Anas Milano che ha collaborato fin dall’inizio per il nulla osta tecnico e stanziando i rimanenti fondi necessari per fare l’opera, che vale complessivamente 3.750.000 euro". Infine il primo cittadino di Sonico ha ringraziato l’onorevole Simona Bordonali per l’assistenza continua a Roma presso il Ministero Infrastrutture e Trasporti.


L'approvazione della convenzione è stata laboriosa e lunga, ma l'opera che sarà realizzata risolverà il problema e per questo il sindaco di Sonico parla di un "grande sogno" che si realizza.

"Sono soddisfatto dell’obiettivo raggiunto a favore dell’intera Valle Camonica che vede attenuato il rischio di dividersi in due", conclude Gian Battista Pasquini.


REGIONE LOMBARDIA - E' di 1.250.000 euro lo stanziamento della delibera della Giunta Regione Lombardia per la realizzazione di lavori di protezione dalle esondazioni del fiume Oglio. Riguardano, in particolare, la Strada statale 42 in corrispondenza del torrente Rabbia nel comune di Sonico, in provincia di Brescia. Il documento è stato proposto dall'assessore, Gianluca Comazzi (Territorio e Sistemi verdi) con il concerto degli assessori Giorgio Maione (Ambiente e Clima), Claudia Maria Terzi (Infrastrutture e Opere pubbliche) e Simona Tironi (Istruzione, Formazione e Lavoro) e del consigliere regionale camuno e presidente della commissario Bilancio, Davide Caparini. "Con quest'opera - ha affermato Davide Caparini - si mette in sicurezza un'area e la statale 42, fondamentale nei collegamenti in Valle Camonica. Questo stanziamento dimostra, ancora una volta, il continuo impegno di Regione Lombardia verso la Valle Camonica e sulle tematiche del dissesto idrogeologico".


"Grazie all'aumento del livello di sicurezza della statale 42 - ha affermato Gianluca Comazzi - si protegge un'infrastruttura di trasporto strategica per l'intera parte superiore della Valle Camonica. Uno degli obiettivi strategici di Regione Lombardia è assicurare infrastrutture resilienti e sicure, che abbiano una migliore capacità di adattamento ai cambiamenti climatici e in grado di mitigare i rischi idrogeologici".


Il finanziamento è erogato alla Comunità montana della Valle Camonica, mentre gli interventi sono finanziati congiuntamente da Regione Lombardia (1.250.000 euro) ed Anas (2.500.000 euro), per un importo complessivo di 3.750.000 euro. Il crono-programma prevede il completamento dell'intervento entro 23 mesi dalla firma della convenzione.


"Lo stanziamento di Regione Lombardia - ha commentato l'assessore Terzi - è decisivo per finanziare lavori di assoluta rilevanza che riguardano un'arteria stradale fondamentale. La messa in sicurezza delle strade è prioritaria e laddove gli enti preposti ravvisano la necessità di intervenire, Regione c'è e assicura il suo contributo. Una volta di più dimostriamo vicinanza tangibile ai territori".


"Garantire una rete infrastrutturale sicura - ha sottolineato l'assessore Tironi - è sempre una priorità per la Lombardia e per il mio territorio. Dobbiamo quindi avere particolare attenzione all'adattamento dei cambiamenti climatici e alla mitigazione del rischio idro-geologico. Gli interventi a Sonico e Malonno proteggeranno le comunità dall'esondazione del Fiume Oglio, aumentando così la sicurezza in Valle Camonica".


"Interveniamo in una zona particolarmente fragile - ha concluso l'assessore Maione - che anche sotto il profilo infrastrutturale richiede investimenti importanti. Mettere in sicurezza questa strada significa determinare un impatto positivo non solo sotto il profilo viabilistico, ma anche ambientale. Sull'alta valle stiamo facendo un percorso ambientale, dalle bonifiche alle infrastrutture, che il territorio aspetta da tempo"


di A. Pa.
Ultimo aggiornamento: 26/02/2024 16:48:07
POTREBBE INTERESSARTI
Regione Lombardia ha approvato testo, gli ambiti coinvolti nelle varie province
Dal 2 al 5 maggio la quarta edizione del festival di letteratura per bambine e bambini, ragazze e ragazzi
ULTIME NOTIZIE
Parigi - Conformemente al regolamento dell'Union Cycliste Internationale, le 15 squadre del'UCI Women's WorldTeams sono...
Europei di corsa a ostacoli in Italia per la seconda volta