Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
 
Ad
Ad
 
Ad


Meteo, in Lombardia il bilancio di un inverno a due velocità

martedì, 23 marzo 2021

Passo Tonale – In Lombardia, l’inverno 2020-2021 sarà ricordato per la tanta pioggia – e la neve abbondante sulle Alpi – di dicembre e gennaio, ma anche per le temperature molto miti e talvolta record della seconda metà di febbraio. Il Servizio Idro-Nivo-Meteorologico di Arpa Lombardia traccia un bilancio complessivo sulla stagione appena conclusa.

Prendendo come riferimento la temperatura media registrata a Milano, l’inverno appena trascorso è complessivamente paragonabile a quelli dell’ultimo decennio, salvo le normali oscillazioni visibili da un anno all’altro. Diversa la valutazione se si spazia verso gli anni 90’, dal cui confronto è invece evidente una generale tendenza al riscaldamento su lungo periodo. È altresì interessante notare come alcuni picchi simili a quelli dell’inverno 2006-2007 si ripresentino con maggior frequenza dopo il 2013.

Il valore di quest’anno è il risultato di una stagione ricca di avvenimenti meteo sulla regione. A cominciare da un dicembre particolarmente perturbato e a tratti freddo – specie nei primi giorni e poi prima di Capodanno con l’abbondante nevicata fino in pianura – seguito da un gennaio con nuove perturbazioni e due distinte ondate di freddo. A Milano, dicembre è stato il più piovoso dal 1997, mentre sulle Alpi si è registrata una stagione ricca di neve anche a bassa quota, con quantitativi vicini ai record degli ultimi 20 anni tra i 1300 e i 2000 metri di quota.

Anomalo, al contrario, febbraio, che si colloca tra più “caldi” dell’ultimo secolo. Con una sola ondata di freddo a metà mese, il mese si è aperto e chiuso con temperature di valore medio complessivo elevato. C’è un record da registrare per la stazione di Milano Brera, che il giorno 27 ha rilevato ben 11.5 °C di temperatura minima, valore tipico della seconda metà di aprile.

Secondo le previsioni, nei prossimi giorni il tempo sarà più mite e consono al periodo. L’aumento delle temperature massime durante il giorno, registrato da lunedì scorso, sembra potersi confermare fino al termine di marzo e probabilmente anche oltre l’inizio di aprile. In settimana, è previsto ancora un po’ di freddo al mattino con locali gelate al di fuori dei centri urbani di pianura e sulle nostre montagne.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136