Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Edolo, a UniMont seminario su meteorologia e dinamiche atmosferiche

Edolo - La meteorologia e le dinamiche atmosferiche sono state al centro dal seminario organizzato dall'Università della Montagna di Edolo (Brescia). La professoressa Anna Giorgi, direttore del Centro Interdipartimentale Ge.S.Di.Mont. dell'Università degli Studi di Edolo ha introdotto il seminario, sono poi intervenuti Tatiana Marras e Filippo Thiery, meteorologo presso il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, esperto di Meteorologia sugli Ottomila. Dal 2012 è un volto nuovo della rubrica meteorologica del programma Rai “Geo”.


Garda - fulmineFilippo Thiery, con 65 slides, ha tracciato una panoramica sulle dinamiche atmosferiche e sui fenomeni meteorologici tipici degli ambienti montani, con specifici approfondimenti sulla peculiarità di quelli alpini e quelli himalayani.

Si è anche soffermato sulle tragedie in montagna, in particolare quella sulla Marmolada nel 2015, quando escursionisti vennero sopresi da un temporale e per un fulmine morì una persona.


Filippo Thiery ha poi ricostruito i fenomeni ed ha affrontato anche l’aspetto legato a riconoscere, durante un'escursione, i segnali del tempo che cambia, a partire dall’osservazione e classificazione delle nubi, per capire le condizioni che ci si possono aspettare per le ore a venire e tradurle in decisioni e comportamenti utili al frequentare la montagna in sicurezza. Inoltre si è soffermato sui fenomeni meteo, quindi ha analizzato grandine, in particolare quello sul Garda e Monte Baldo, neve e valanghe, raccontando imprese alpinistiche.


Unimont seminarioIl seminario ha fornito le conoscenze teoriche di base sulla spiegazione fisica della fenomenologia in questione, ma anche su aspetti operativi, con particolare riferimento a fornire gli strumenti necessari per una corretta interpretazione e un utilizzo evoluto e consapevole dei bollettini meteorologici nella pianificazione di una escursione o via alpinistica.


Infine ha ricostruito quanto accade il 27 giugno 1970 quandi i fratelli Reinhold e Günther raggiunsero la vetta del Nanga Parbat. Una gioia che il giorno seguente si tramutò in tragedia: infatti Günther Messner morì. Nella parte finale sono stati esposti, a grande linee, gli effetti dei cambiamenti climatici sull’ecosistema montano.

Ultimo aggiornamento: 08/05/2020 23:44:49
POTREBBE INTERESSARTI
Roma - Esame di maturità per 526.317 studenti italiani, poco più di 8mila bresciani, di cui 1.200 tra Valle Camonica,...
Ceto (Brescia) - Ultimo saluto a Brigida Andreina De Pari, 82 anni. Nel pomeriggio si terranno le esequie di...
Venerdì 21 giugno "Yoga day", sabato 22 lo spettacolo "Mago per svago"
Finanziati da Regione Lombardia tre progetti della Cooperativa di Bessimo
La professoressa Anna Giorgi parteciperà a una tavola rotonda
Destinati più di 2 milioni di euro, una quota importante ai distaccamenti volontari del Bresciano
ULTIME NOTIZIE
Sono 50 gli indagati dalla Guardia di Finanza di Reggio Emilia per reati fiscali
Sondrio - Maltrattamemnti sulla moglie, imprenditore valtellinese arrestato. Il 35enne è accusato di stalking e lesioni....
Brescia - Un insegnante di religione residente nel Bresciano è stato arrestato per pedopornografia. L'inchiesta della...