Ad
a
Ad
Ad


ATO Valle Camonica: il Ministero impugna la legge regionale

domenica, 23 gennaio 2022

Milano – Il Ministero della Transizione Ecologica ha inviato una nota alla presidenza del Consiglio dei Ministri chiedendo di impugnare la legge regionale 24 del 27 dicembre scorso. Nella legge – scrive il dirigente del Ministero,  Giovanni Di Scipio – “appare in talune disposizioni costituzionalmente illegittime”. E il riferimento è alla possibilità di istituire nuovi ATO (Ambito Territoriale Ottimale), tra cui quello di Valle Camonica.

Il dirigente del ministero scrive: “Definire un ATO in ambito territoriale come quello delle comunità montane è in contrasto con la normativa nazionale, ponendosi contro agli obiettivi che si è posto il legislatore”. Da qui la proposta avanzata dal Ministero alla presidenza del Consiglio di impugnare la legge regionale, per quanto riguarda la nascita di nuovi ATO. La decisione spetterà ora al consiglio dei ministri.

Con la legge dello scorso dicembre Regione Lombardia puntava a valorizzare e riconoscere ai territori, specialmente montani, una propria autonomia anche nella gestione del Servizio Idrico Integrato. La condizione è che sia garantita l’efficienza e l’economicità della gestione. Ora pende la richiesta di impugnativa della legge regionale e c’è il rischio di rinviare la nascita dell’ATO di Valle Camonica.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Pierangelo Panzeri - P. IVA 03457250136