Ad
a
Ad
Ad


A Niardo l’idrovora della Protezione Civile di Sonico

giovedì, 4 agosto 2022

Niardo (A.Pa.) – Da una settimana al lavoro per ripulire abitazioni ed esercizi commerciali da acqua e fango a Niardo (Brescia), colpiti dall’ondata di maltempo. Volontari e gruppi di Protezione Civile, alpini, associazioni delle Valle Camonica, quindi vigili del fuoco e forze dell’ordine, tra cui i carabinieri che sorvegliano anche in orari notturni per prevenire azioni di sciacallaggio.

A Niardo c’è un mezzo che ha colpito per la sua potenza: il gruppo di Protezione Civile di Sonico, guidato dal presidente Pierino Gulberti, è al lavoro con la potente idrovora, acquistata alcuni anni fa con un finanziamento al 75% della Protezione Civile e il restante 25% da parte dell’Unione Comuni Alpi Orobie Bresciane e tra le più importanti in dotazione a un gruppo di Protezione Civile in Valli Camonica. L’idrovora fa parte della colonna mobile regionale e dalle 5:15  del 28 luglio scorso è in azione a Niardo, ripulendo case e abitazioni. “L’idrovora in dotazione al gruppo di Protezione Civile di Sonico – spiega il presidente Pierino Gulberti è molto utile e ancora una volta in questi giorni a Niardo e Braone è stata confermata la sua potenzialità ed è importante durante le emergenze in Valle Camonica”.
L’idrovora aspira il 75% di acqua e il 25% di materiale (sassi, rami e detriti), preleva fino a 2.400 litri al minuto e a una distanza di circa 40 metri, inoltre viene utilizzata la pompa ad immersione elettrica per fango da 800 l/m. L’intervento dell’idrovora del gruppo di Protezione Civile di Sonico è stata determinante per aiutare la popolazione in questi giorni difficili a Niardo e Braone.

© Riproduzione riservata



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Pierangelo Panzeri - P. IVA 03457250136