Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Pallanuoto, EuroCup: l’An Brescia non sbaglia, Miskolc ko 17-10

mercoledì, 30 ottobre 2019

Brescia – Un’An Brescia reattiva e risoluta fa sua la gara d’andata dei quarti di finale di Euro Cup: a Mompiano, contro il Miskolc, la squadra di Sandro Bovo, per quattro tempi, gioca con determinazione e notevole tecnica e, alla fine, prevale per 17 a 10 (4-1, 4-2, 6-3, 3-4, i parziali). Come richiesto da coach Bovo, i biancazzurri partono con la massima attenzione fin dalla prima palla al centro, arginando a dovere le trame offensive dei magiari e colpendo con lucidità sotto la porta avversaria. Nel quadro di una tenuta difensiva davvero buona, senz’altro da segnalare le parate di Marco Del Lungo, decisivo in almeno quattro occasioni (tre volte sul mancino Vadovics e su Stojanovic); in avanti, oltre alla mano calda di Giacomo Cannella (sei centri per il numero 5, che potevano essere sette se la stanchezza non c’avesse messo lo zampino nel rigore tirato a 2 minuti e 40 secondi dalla fine), ancora una volta ottimo trascinatore capitan Presciutti, nel tabellino con tre marcature (tra cui uno dei suoi pezzi forti, ovvero la delicata palomba da posizione tre) e autore di due assist al bacio (il primo per Cannella, il secondo per Alessandro Nora). Messo pesantemente sotto (12 a 3, il punteggio alla metà della terza frazione), il Miskolc prova a rialzare la testa e, anche complice una serie di espulsioni concesse un po’ discutibili, nell’ultima parte del match riesce a ridurre il divario. In ogni caso, l’An, pur dovendo rinunciare ad Antonio Buha, Zeno Bertoli e Niccolò Figari – tutti fuori per limite di falli -, non si scompone mantenendosi sempre a distanza di sicurezza anche grazie all’utilizzo dei più giovani del gruppo, bravi a farsi trovare pronti nel momento del bisogno. Pensando alla partita di ritorno in Ungheria, sette reti di vantaggio sono un buon capitale ma nessuno, in casa An, intende impostare la trasferta per difendere il risultato.

«Sono decisamente soddisfatto della prestazione – dichiara senza mezzi termini, il tecnico bresciano, Bovo -: abbiamo preparato bene la gara e, una volta in acqua, siamo stati bravi a portare avanti il nostro gioco per tutto l’incontro. Il match l’abbiamo condotto bene fino all’ultima azione, giocando con qualità e intensità; altro aspetto molto positivo è stato il rendimento dei giovani quando, anche per necessità, sono entrati in momenti delicati. Insomma, abbiamo espresso un gioco di livello e ora massima concentrazione per il ritorno: dobbiamo andare là per iniziare tutto da capo, non abbiamo ancora ottenuto nulla».



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136