Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Val del Riso Trail, la corsa nella terra delle miniere e delle sorgenti

giovedì, 22 ottobre 2020

Quando:
25 ottobre 2020@10:00–11:00 Europe/Rome Fuso orario
2020-10-25T10:00:00+01:00
2020-10-25T11:00:00+01:00

Terra di tradizioni minerarie, la Val del Riso, ai piedi del monte Alben, ospita nel suo meraviglioso scenario le vette sotto cui scorrono limpide e fresche tre delle principali sorgenti provinciali: la sorgente Nossana, quella del Costone e quella di Algua. Qui, domenica 25 ottobre, si correrà la seconda edizione della gara, nel rispetto delle norme di sicurezza in materia anti-Covid. La Val del Riso Trail, valida come campionato italiano Csen Outdoor di trail corto, chiude la stagione sportiva di Fly-Up Sport: anche in questo indimenticabile 2020 Mario Poletti è riuscito nell’intento di mandare in scena, con successo e all’insegna della sicurezza, un certo numero di eventi.

Il percorso ad anello con partenza da Gorno permetterà di conoscere a fondo questa vallata laterale della Valseriana, andando a toccare innanzitutto la famosa miniera di Costa Jels, punto nevralgico dell’attività mineraria fino agli anni ’60. Gli atleti percorreranno i circa 300 metri del sito correndo lungo il binario esterno che serviva a trasportare il materiale (vedi foto sotto); un’area così importante da essere stata riprodotta nel logo della manifestazione, proprio per ricordare la vocazione all’attività che, per secoli, è stata alla base dell’economia della Val del Riso. Oltrepassata Costa Jels si raggiungerà località Plazza, poi il Colle di Zambla (1.264 m slm – un simbolico passaggio che rappresenterà un abbraccio alla Val Brembana), la discesa verso Cantoni d’Oneta, località Frassino con l’omonimo santuario, Chignolo d’Oneta, la graziosa Ortello e la contrada Riso, per un totale di 20 chilometri e 1000 metri di dislivello.

Fra le misure di sicurezza previste nella gara organizzata da Fly-Up con il supporto fondamentale di ProGorno, l’obbligo di indossare la mascherina nei primi 500 metri. Sul tracciato anziché i ristori verranno garantiti tre punti acqua (Plazza, Cantoni, Chignolo), pertanto è necessario correre muniti di una borraccia da 500 ml, un bicchiere da trail e una riserva alimentare. Il pasta party è sostituito da un sacchetto con panini e bibita. Le iscrizioni alla Val del Riso Trail sono aperte sul portale picosport.net e garantiscono ai concorrenti una bella maglia tecnica Scott in versione maschile e femminile. Per quanto riguarda i top runner, i giochi sono ancora da definire poiché le iscrizioni sono ancora aperte. Ma possiamo già anticipare che hanno già prenotato un posto sul podio la star dello skyrunning Cristian Minoggio e i campioni ruandesi Jean Baptiste Simukeka e Adeline Musabyeyezu del team Serim.

Proprio dal territorio della Val del Riso ha origine l’acqua che gran parte dei bergamaschi trovano poi nel rubinetto di casa propria con le medesime caratteristiche organolettiche e qualitative. Per gustarne la bontà, come ormai consuetudine negli ultimi mesi, Uniacque sarà presente all’evento Fly-Up, al servizio degli atleti e del pubblico attraverso la collaudata unità mobile di distribuzione acqua (dalle ore 9.00 alle ore 14.00 nella zona di partenza/arrivo presso l’area feste del Comune di Gorno) e, con i suoi volontari, permetterà di conoscere meglio le sorgenti da cui l’acqua servita proviene. Per i tanti appassionati che prenderanno parte alla competizione, Uniacque offrirà inoltre un riconoscimento all’interno del pacco gara.

Fra sorgenti d’acqua pura e siti minerari antichissimi, in una vallata chiusa fra le vette dei monti Alben e Grem, la Val del Riso Trail è un appuntamento da non perdere.

Sito ufficiale: Fly-Up.it



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136