Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Serie D, Girone C: Trento-Belluno

sabato, 6 marzo 2021

Quando:
7 marzo 2021@14:30–15:30 Europe/Rome Fuso orario
2021-03-07T14:30:00+01:00
2021-03-07T15:30:00+01:00

Prima di tre sfide d’alta classifica per il Trento capolista che domenica ospiterà al “Briamasco” il Belluno nell’impegno valevole per la quarta giornata di ritorno del girone C.

Trainotti e compagni occupano il primo posto in classifica a quota 49 punti, grazie ad uno score complessivo di 14 successi, 7 pareggi e appena 1 sconfitta, mentre il Belluno è quarto in graduatoria con 38 punti raccolti, frutto di 10 successi, 8 pareggi e 4 sconfitte.

I gialloblù arrivano all’impegno di domenica forti di una striscia di 15 risultati utili consecutivi (10 vittorie e 5 pareggi), iniziata a dicembre, che ha permesso loro di sopravanzare e staccare la Manzanese, attualmente seconda a meno cinque dagli aquilotti.

Sino a questo momento, in casa, il Trento ha disputato 10 gare, raccogliendo 7 successi e 3 pareggi, mentre in trasferta il Belluno ha giocato 10 partite, conquistando 5 vittorie, 2 pareggi e 3 sconfitte.

La sfida tra Trento e Belluno, come da consuetudine, sarà trasmessa in diretta sulla pagina ufficiale del Club (www.facebook.com/calcio.trento1921) con collegamento a partire dalle ore 14.20.

Dirigerà l’incontro Francesco Burlando della sezione di Genova, coadiuvato dagli assistenti arbitrali Gianluca Scardovi ed Emanuele Fumarulo appartenenti rispettivamente alle sezioni di Imola e Barletta.

In campo.
Mister Carmine Parlato non può disporre degli infortunati Galazzini, Salviato e Pattarello e ha convocato 23 giocatori.

Gli avversari
L’Associazione Calcio Belluno nasce nel 1905 con il nome di Olimpia, ma partecipa al primo campionato ufficiale solo nel 1922, anno in cui si affilia al Comitato Regionale Veneto della FIGC con il nome di SS Bellunese Excelsior. In epoca recente il Belluno conquista la promozione in serie C2 al termine della stagione 2002/2003. Nelle due stagioni disputate in Serie C, la squadra veneta è guidata in panchina anche da Gianni Bortoletto, tecnico che nel 1997 sedette sulla panchina dell’allora Trento Calcio, conquistando la promozione tra i “pro”. Nella stagione 2004/2005, il Belluno retrocede nuovamente in Serie D, categoria nella quale milita ininterrottamente sino ad oggi.
La squadra è allenata da Renato Lauria, promosso in Prima Squadra quest’anno dopo quattro stagioni alla guida delle giovanili. L’elemento di spicco della formazione veneta è certamente l’attaccante e capitano Simone Corbolese, arrivato alla sua quattordicesima stagione con la maglia del Belluno con cui ha disputato 350 partite in Serie D realizzando la bellezza di 160 reti. In C2 ha militato con Belluno (3 presenze) e Sacilese (41 presenze e 10 reti), mentre in serie D ha giocato anche con il Montebelluna, disputando 31 partite con 16 reti realizzate.
Altri giocatori d’esperienza sono i centrocampisti Simone Bertagno, ex Sacilese in serie C2 (54 presenze), alla sua diciassettesima stagione in serie D (ha giocato con Cordigliano, Jesolo, Sacilese, Real Vicenza e Belluno: per lui 476 presenze e 27 reti), Yari Masoch (11 stagioni in serie D, tutte con il Belluno) e l’esterno Stefano Mosca, alla sua dodicesima annata di fila in categoria con la maglia del sodalizio veneto con cui ha disputato 328 partite e messo a segno 39 gol.
I colori sociali del Belluno sono il giallo e il blu.

Gli ex della partita.
Nessun ex nelle due formazioni tra campo e panchina.

I precedenti.
In campionato Belluno e Trento si sono affrontate complessivamente 41 volte, con un bilancio complessivo di 10 successi per gli aquilotti, 19 pareggi e 12 vittorie per i veneti. 48 le reti realizzate dal Trento, 46 dal Belluno.

Esclusa la gara d’andata, l’ultimo doppio incrocio in Serie D risale alla stagione 2018/2019 con il Trento che fu sconfitto per 1 a 0 sia all’andata che al ritorno.

A settembre 2018 le due squadre si affrontarono anche in Coppa Italia, con il Trento che vinse la gara “secca” valevole per il primo turno: i tempi regolamentari si chiusero sul punteggio di 0 a 0 e i trentini successivamente s’imposero per 4 a 2 dopo i calci di rigore.
Curiosità: negli annali vi è traccia anche di una amichevole benefica, il cui ricavato venne destinato agli alluvionati del Polesine, disputata a Belluno il 25 novembre 1951, terminata 5 a 3 in favore dei padroni di casa.

Partite e arbitri della 24esima giornata (ore 14.30)

Ac Trento 1921 – Belluno (Burlando di Genova)

Adriese – Arzignano Valchiampo (Lingamoorthy di Genova)
Caldiero Terme – Virtus Bolzano (Giacometti di Gubbio)

Mestre – Cjarlins Muzane (Aldi di Finale Emilia)

Montebelluna – Chions (Campazzo di Genova)

Luparense – Campodarsego (Verrocchi di Sulmona)

Manzanese – Cartigliano (Totaro di Lecce)
Union Clodiense – Ambrosiana (rinviata)

Union Feltre – Este (Martino di Firenze)

Union San Giorgio Sedico – Delta Porto Tolle (Frasynyak di Gallarate)

La classifica del girone C.
Ac Trento 1921* 49 punti; 
Manzanese* 44; Union Clodiense* 41; Belluno* 38; Mestre 36; Luparense 35; Adriese 30; Caldiero Terme*, Este** e Cartigliano* 29; Arzignano Valchiampo** 27; Virtus Bolzano, Union San Giorgio Sedico e Cjarlins Muzane** 26; Montebelluna 25; Delta Porto Tolle******** 23; Union Feltre 22; Campodarsego**** e Ambrosiana* 19; Chions* 17.

********: otto partite in meno

****: quattro partite in meno

**: due partite in meno

*: una partita in meno

I CONVOCATI.
PORTIERI:
 Cazzaro (1999); Ronco (2002).
DIFENSORI: Amadori (2003); Bran (2000); Contessa (2002); Dionisi (1985); Ronchi (1996); Tinazzi (2002); Trainotti (1993).

CENTROCAMPISTI: Bonomi (2003); Caporali (1994); Gatto (1992); Nunes (1994); Osuji (1990); Pilastro (2001); Pinto (2001); Santuari (2001); Trevisan (2000).
ATTACCANTI: Aliù (1989); Belcastro (1991); Comper (2003); Ferri Marini (1990), Rivi (1994).



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136