Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

I dati dell'accoglienza: nel Bresciano 2600 richiedenti asilo, in continua crescita

Darfo - "La "Commissione parlamentare di inchiesta sul sistema di accoglienza, identificazione e trattenimento dei migranti" ha diffuso gli ultimi dati in continuo aggiornamento sull'accoglienza e il trattenimento degli stranieri sbarcati negli ultimi mesi nel nostro paese". Lo rende noto l'onorevole Davide Caparini (Lega Nord), segretario di presidenza della Camera dei Deputati.


caparini 1"Secondo la commissione - spiega Caparini - in Lombardia sono ospitati circa 23 mila richiedenti (pari al 13% di quelli presenti nel paese) di cui oltre il 2600 nella sola provincia di Brescia; suddivisi tra gli SPRAR e le strutture temporanee sparse in tutto il territorio provinciale.

Un incremento di oltre 1.000 persone rispetto ai dati relativi al gennaio scorso che ha saturato le strutture di accoglienza facendo sì che nel bresciano le presenze superino i posti disponibili.”


Significativo però è anche il dato delle richieste di asilo esaminate ed accolte a livello nazionale. “Sempre secondo i dati forniti dalla Camera dei Deputati infatti - continua Caparini- il confronto tra le richieste esaminate dalla commissione nazionale per il diritto di asilo nel 2016 e quelle dello stesso periodo del 2015, evidenzia come queste siano aumentate del 42%, mentre è calata nettamente la percentuale dei richiedenti a cui è stata riconosciuta una forma di protezione.


Nel 2016 infatti solo al 5% dei richiedenti è stato concesso lo status di rifugiato (era il 6% nel 2015) mentre il 34% di essi (era il 38% nel 2015) ha beneficiato della protezione sussidiaria/umanitaria. Al rimanente 61% (+5% rispetto al 2015) non è stata quindi riconosciuta nessuna protezione anche perché di oltre 2.700 di loro (il 4% del totale) si sono perse le tracce ed essi risultano ad oggi irreperibili. Un altro dato questo - conclude il parlamentare del carroccio - che deve assolutamente far riflettere”.

Ultimo aggiornamento: 09/11/2016 00:01:03
POTREBBE INTERESSARTI
Caldes (Trento) - Indagini dei carabinieri sull'atto vandalico avvenuto a Caldes e contro la memoria di Andrea Papi....
La musica accompagnerà il nuovo giorno in cinque appuntamenti tra Presena e Corno d'Aola: il programma
ULTIME NOTIZIE
A metà novembre gli avversari saranno i romeni dell'Arcada Galati
La Procura attende le memorie difensive degli indagati