Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Paratico, 22enne fermato dai carabinieri per tentato omicidio

Paratico - 22enne fermato dai carabinieri per tentato omicidio nel Bresciano. Nella mattinata di ieri un dipendente di un’azienda manifatturiera di Paratico, appena giunto sul posto di lavoro, era stato avvicinato da un 22enne, M.R. con il volto travisato da passamontagna e occhiali da sole, il quale ha esploso al suo indirizzo numerosi colpi d’arma da fuoco. La vittima tentava di fuggire, cercando riparo all’interno di un magazzino dello stabile. carabinieri largeL’aggressore lo ha raggiunto e lo ha ferito alle mani con un colpo di pistola e lo ha percosso al capo con il calcio dell’arma. Dopodiché il 22enne si è allontanato a bordo su un’autovettura, dileguandosi.

Dai filmati del circuito di videosorveglianza è apparso chiaro fin da subito che l’aggressore avesse utilizzato targhe posticce per impedire l’identificazione del veicolo.


La vittima è stata trasferita immediatamente all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e i referti medici hanno evidenziato ferite alla testa e alle mani, scongiurando il pericolo di vita. Un controllo accurato delle telecamere di accesso ai varchi del comune di Capriolo, limitrofo a Paratico, ha consentito ai Carabinieri della Sezione Operativa del NORM di Chiari, insieme ai Carabinieri della Stazione di Capriolo, di operare un raffronto tra lo stesso tipo di autovettura transitata su quelle strade nel giorno precedente.


L’evidenza dell’artificiosità della targa del veicolo e le analogie con la stessa vettura targata regolarmente, hanno fatto emergere l’identità del proprietario, un ragazzo 22enne M.R. che lavora interinalmente come operaio nelle aziende locali.


Nel corso della serata, dopo ulteriori accertamenti, il colpevole è stato individuato all’interno del suo posto di lavoro e si è dimostrato collaborativo. Nell’immediatezza ha confessato di aver commesso il gesto a causa di forti dissapori avuti con la vittima all’incirca un anno fa, quando entrambi lavoravano nella stessa azienda manifatturiera in cui sono successi gli eventi. L’autorità giudiziaria ha disposto immediatamente il fermo di indiziato di delitto e l’accompagnamento nel carcere di Brescia nelle ore notturne.

Ultimo aggiornamento: 26/09/2020 15:06:17
POTREBBE INTERESSARTI
L'incidente a Peschiera del Garda, le vittime sono un 65enne di Pergine Valsugana e un 53enne di Ala
Operazione delle Guardia di Finanza di Merano e Procura di Bolzano
Arrestato dalla Polizia di Stato 19enne
Nella notte l'intervento dei vigili del fuoco
Coltivate e raffinate da aziende agricole di canapa sativa, otto misure cautelari
ULTIME NOTIZIE
A Palù di Giovo è arrivato il titolo grazie a un terzo posto nella Classicissima Cantine Moser
L'evento al centro per lo sport ha appassionato gli alunni in gara
Intervento del presidente della Provincia di Sondrio, Davide Menegola