Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-
Mercoledì, 21 febbraio 2024

Omicidio Maltesi, in Appello Davide Fontana condannato all'ergastolo

Milano - La Corte d'Assise d'appello di Milano ha condannato all'ergastolo Davide Fontana (nella foto), 45 anni, ex bancario, che l'11 gennaio del 2022 uccise l'ex fidanzata Carol Maltesi nell'abitazione a Rescaldina (Milano), colpendola prima alla testa con un martello, poi facendola a pezzi e due mesi dopo buttandola in sacchi della spazzatura in un dirupo a Paline di Borno (Brescia). I carabinieri della Compagnia di Breno risalirono all'autore dell'efferato delitto, Davide Fontana confessò il delitto.


In primo grado venne condannato a 30 anni.

Impugnando la sentenza emessa dalla Corte di Assise di Busto Arsizio (Varese), la Procura ha chiesto che l'imputato sia condannato all'ergastolo col riconoscimento delle tre aggravanti che erano state escluse in primo grado, cioè la premeditazione, la crudeltà e i motivi futili e abietti.


All'inizio dell'udienza Fontana ha chiesto "scusa a tutti" tramite dichiarazioni spontanee, ammettendo di avere fatto una cosa "orribile". "Sono fermamente deciso a voler riparare, per quanto possibile alle mie azioni", ha detto in riferimento alla sua richiesta di accedere a un percorso di giustizia riparativa. Sottolineando che ha devoluto il suo Tfr al figlio di Carol, Fontana ha poi aggiunto: "Darei la mia vita per tornare indietro".
Il procuratore generale Massimo Gaballo ha proposto la pena massima, i difensori avevano chiesto che Fontana venisse giudicato con il rito abbreviato. Nell'arringa, l'avvocato Stefano Paloschi, ha puntato proprio sull'assenza della premeditazione, della crudeltà e dei motivi futili e abietti. La Corte ha condannato all'ergastolo Davide Fontana: hanno riconosciuto le aggravanti della premeditazione e della crudeltà, che erano cadute in primo grado.

Ultimo aggiornamento: 21/02/2024 23:46:58
POTREBBE INTERESSARTI
Merano (Bolzano) - Alla scuola professionale provinciale per il commercio, l'artigianato e l'industria "Ing. Luis Zuegg"...
ULTIME NOTIZIE