Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Chiesa in Valmalenco, tragedia di Chiareggio: la situazione dopo la frana

Chiareggio - Dopo la tragedia e la frana di Chiareggio, oggi si è tenuta in Prefettura una riunione di aggiornamento della situazione alla quale hanno preso parte oltre al Sindaco di Chiesa in Valmalenco, ai geologi e ai tecnici del Comune, il Comandante della Polizia locale, i rappresentanti delle Forze dell’Ordine e dei Vigili del Fuoco.


franaAllo stato sono terminate le operazioni di soccorso ed è stato confermato che non risultano coinvolte ulteriori persone nell’evento. Sono tuttora in corso le operazioni volte alla rimozione del materiale franato e al ripristino delle condizioni di sicurezza della zona interessata dalla frana.


Il sindaco di Chiesa in Valmalenco ha emanato un’ordinanza di chiusura al traffico veicolare e pedonale della strada comunale interessata. In considerazione del graduale ripristino della situazione, si è discusso di una possibile riapertura della strada a fasce orarie diurne e con l’assistenza di un servizio di guardiania, sempreché non si verifichino ulteriori precipitazioni atmosferiche.


Quest’ultima soluzione è comunque subordinata agli esiti delle verifiche strumentali volte a verificare le condizioni di staticità del ponte.

Inoltre, al fine di tutelare l’incolumità personale di circa 15 nuclei familiari residenti in un complesso di appartamenti ubicati a ridosso del torrente Nevasco, il Sindaco di Chiesa in Valmalenco predisporrà apposita ordinanza di evacuazione.


Gli assessori regionali a Territorio e protezione civile e agli Enti locali, Montagna e piccoli Comuni hanno effettuato oggi un sopralluogo a Chiareggio/SO, in Valmalenco, per fare il punto della situazione con gli amministratori locali, i geologi e i tecnici nella zona della frana a causa della quale hanno perso la vita tre persone e una quarta è rimasta gravemente ferita.


"Abbiamo verificato tutto il bacino della frana per capire gli immediati interventi per il ripristino delle condizioni di sicurezza - ha spiegato l'assessore alla Protezione civile -. E' stato deciso di finanziare due interventi da 100 mila euro ciascuno per liberare sia a monte che a valle, l'alveo, le briglie e il 'tombotto', il condotto sotto la strada. E' stato anche tolto materiale che ostruiva passaggio dell'acqua nel condotto".


"Con l'elicottero e i droni - ha aggiunto l'assessore agli Enti locali, Montagna e piccoli Comuni - abbiamo verificato che a monte della strada c'è ancora materiale che si è mosso a seguito della bomba d'acqua di ieri, ma non ancora sceso a valle. Da un primo riscontro sembra che, nel caso in cui non si verifichi un avviso di condizioni meteo avverse, il materiale ancora a monte non dovrebbe scendere a valle e ci potrebbero essere quindi le condizioni per percorrere il tratto di strada che è stato liberato tempestivamente dal fango e dai detriti. In caso di pioggia il materiale residuo restato a monte potrebbe causare condizioni di pericolosità. Al momento la strada è sotto sequestro".


"Fatte le opportune verifiche con i tecnici, - ha aggiunto l'assessore agli Enti locali, Montagna e piccoli Comuni - si valuterà se ci sono le condizioni per un'apertura anche solo parziale della strada che dovrà essere preceduta da una verifica statica della struttura. A monte della frana restano ancora circa 600 persone che al momento sono isolate".


"Prevediamo un intervento maggiore per mettere una briglia selettiva che valuteremo di finanziare come Regione - ha spiegato l'assessore alla Protezione civile - previo naturalmente uno studio per verificare le condizioni reali del sito".

Ultimo aggiornamento: 13/08/2020 17:31:32
POTREBBE INTERESSARTI
L'evento al centro per lo sport ha appassionato gli alunni in gara
Intervento del presidente della Provincia di Sondrio, Davide Menegola
E' il secondo in Lombardia dopo quello della Valtellina
L'incidente a Peschiera del Garda, le vittime sono un 65enne di Pergine Valsugana e un 53enne di Ala
Operazione delle Guardia di Finanza di Merano e Procura di Bolzano
ULTIME NOTIZIE
Olten (Svizzera) - Un risultato straordinario per l'Italia dell'Orienteering. Francesco Mariani ottiene un 11° posto con...
A Palù di Giovo è arrivato il titolo grazie a un terzo posto nella Classicissima Cantine Moser