Ad
Ad


Sondrio, agricoltura al bilancio di novembre: stagione con diverse problematiche

martedì, 16 novembre 2021

Sondrio – Nella provincia più a nord Lombardia, l’annata agraria è stata profondamente condizionata dal clima, in particolare dalle gelate tardive della scorsa primavera che hanno pesantemente condizionato le successive produzioni frutticole e impedito il lavoro delle api per la produzione del miele di acacia.

Lo sottolinea Silvia Marchesini, presidente di Coldiretti Sondrio, nello stilare il bilancio dopo il giro di boa di metà novembre: “Nonostante gli interventi di soccorso, laddove possibili con l’attivazione degli impianti irrigui, le gelate primaverili hanno causato ripercussioni anche sulla raccolta della frutta, in particolare le mele valtellinesi che hanno registrato un calo medio di produzione superiore al 30%, più alto per le Red Delicious (le stime indicano un -45% e anche oltre in alcuni areali) mentre dovrebbe essere più contenuta la flessione delle Golden”.

Per lo stesso motivo, le api hanno avuto scarsa disponibilità di raccogliere nettare, a causa delle basse temperature e la necessità di doverle nutrire artificialmente ha aggiunto ulteriori costi al danno, in un momento di difficoltà generalizzata per il settore agricolo: di conseguenza la produzione di miele d’acacia è crollata, con un calo produttivo anche per le successive varietà.

In flessione anche la raccolta delle olive in tutta la Lombardia, con un calo percentuale di produzione drastico, che a ridosso del vicino lago di Como ha toccato picchi altissimi, con punte del -90%.

Vendemmia positiva, invece, con numeri alti sotto il profilo qualitativo soprattutto per quanto riguarda i rossi valtellinesi da Nebbiolo/Chiavennasca.

La stagione dell’alpeggio è iniziata fra le incertezze del clima ma si è conclusa positivamente, con la produzione di formaggi di particolare qualità: ad esempio, è in stagionatura un Bitto da manuale, autentica eccellenza valtellinese prodotta grazie al lavoro dei nostri allevatori in quota, tra cui un numero crescente di giovani che vedono nell’agricoltura una concreta possibilità di sbocco professionale e imprenditoriale.

Non da ultimo, va registrata l’ulteriore spinta di crescita della vendita diretta nei Mercati di Campagna Amica, presenti oggi a Sondrio, Bormio, Morbegno e Tirano, sempre più punto di riferimento per l’intera società civile.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136