Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Nuove abitazioni a Sulzano, Legambiente dice basta e chiede chiarimenti al Comune

Sulzano - Nuove abitazioni sopra Sulzano (Brescia), Legambiente dice basta e chiede chiarimenti sulle nuove costruzioni: "Nella prima porzione di collina morenica della sponda sulzanese del lago d’Iseo è spuntato uno sbarramento di nuove costruzioni, ben visibile da Montisola dalla riva opposta del lago d’Iseo.

La costruzione, anche per chi vi passa da vicino, suscita molti dubbi".


Sulzano 1"Cercando qualche informazione relativa al cosiddetto comparto 7 di Tassano sul sito del Comune di Sulzano, abbiamo trovato una risposta dell’Ufficio Tecnico, per niente convincente - prosegue l'intervento di Dario Balotta, presidente del circolo Legambiente Basso Sebino - ad una interrogazione dell’opposizione che chiedeva lumi sul come sia stato possibile un'autocertificazione che certificava come minimo l’impatto paesistica dell’intervento. Si tratta di sei costruzioni su due piani (piano terra e primo piano), posizionate in linea e a distanze regolari, come i vagoni di un treno, per una lunghezza di un centinaio di metri".


Legambiente Basso Sebino conclude dicendo: "La collocazione sul bordo di un pianoro, praticamente a sbalzo sul lago, ha amplificato il pessimo impatto visivo . Una muraglia ha preso il posto di scarpate coltivate ad ulivi. Lo scempio è qui tutto da vedere in queste foto, basta cemento. Il caotico sviluppo urbanistico di Sulzano e l’invasivo consumo di suolo sembrano proprio non finire".

Ultimo aggiornamento: 03/11/2020 05:12:26
POTREBBE INTERESSARTI
Organizzato dal comitato PreGio Eventi nell'ambito del Piano Giovani di Zona "Terra di Mezzo"
Rinnovo dei contratti collettivi provinciali per il triennio 2025-2027 e per la chiusura del triennio 2022-2024
Inaugurato, sarà a disposizione dell'Unità Operativa di Cardiologia e Utic
Sopralluoghi dei tecnici a Marone e Ceto, dove si sono registrati smottamenti
Dopo la formazione in Valfurva quattro camuni e tre della Valsabbia hanno conseguito la qualifica di capisquadra
ULTIME NOTIZIE