Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
w

Ad
Ad
 
Ad


L’economia mondiale post pandemia: 5 Nobel docenti alla I.S.E.O. Summer School

martedì, 15 giugno 2021

Iseo – Ben 5 Nobel – Deaton, Kremer, Spence, Stiglitz e Valentini – fra i docenti della scuola, I.S.E.O. Summer School, in programma  20 al 25 giugno online.

ISTITUTO I.S.E.O. – La I.S.E.O. Summer School riparte. L’edizione 2021 del prestigioso corso di economia promosso dall’Istituto I.S.E.O. (Istituto di Studi Economici e per l’Occupazione) torna con un panel di relatori unico al mondo: quattro premi Nobel per l’Economia – Michael Kremer (2019), Angus Deaton (2015), Joseph Stiglitz (2001), Michael Spence (2001) -, un premio Nobel per la Pace – Riccardo Valentini, che ha vinto il Premio nel 2007 con l’Intergovernmental Panel on Climate Change (Ipcc) – e un’economista di fama internazionale come Bina Agarwal, docente alla Manchester University.

“Non esistono altre Summer School al mondo che annoverino fra gli speakers ben cinque premi Nobel – osserva Riccardo Venchiarutti, vicepresidente dell’Istituto I.S.E.O. – e il nostro corso, cancellato nel 2020 per via della pandemia, vuole ripartire proprio da qui, dall’eccellenza della sua proposta formativa”. 

Proposta che, per il 2021, non può che essere interamente dedicata all’attualità: il titolo dell’edizione in calendario dal 20 al 25 giugno è infatti “The Post Pandemic World Economy (L’economia mondiale post pandemia)”, con i sei relatori a trattare – fra gli altri – i temi della ripresa (Stiglitz), delle nuove diseguaglianze economiche, sociali, sanitarie (Deaton) e di genere (Agarwal), dell’impatto delle nuove tecnologie nell’economia post-Covid (Spence), dei risvolti economici delle campagne vaccinali (Kremer) e, infine, del cambiamento climatico (Valentini).

I PARTECIPANTI – Selezionatissima la platea di partecipanti. Si tratta di 54 dottorandi di ricerca/master students frequentanti 38 università di Economia di tutto il mondo e residenti in 26 diversi Paesi. Dalle Hawaii al Bangladesh, dall’Arabia Saudita alla Colombia, dalla Russia alla Cina, dalle Filippine al Nepal e al Canada, solo per citarne alcuni. Complessivamente, dal 2004 (anno della prima edizione) al 2021 compreso, alla I.S.E.O. Summer School hanno partecipato 1.097 studenti provenienti da 105 Paesi e 374 università: fra i relatori, dalla prima edizione ad oggi, 23 Premi Nobel e oltre 50 relatori di chiara fama.

Per la prima volta in assoluto, la I.S.E.O. Summer School non si svolgerà in presenza, ad Iseo (Brescia). Con la mobilità internazionale ancora fortemente ridotta per via delle misure sanitarie di prevenzione anti-Covid, l’Istituto I.S.E.O. ha deciso di promuovere l’edizione 2021 del corso interamente online: una scelta obbligata, vista l’assoluta internazionalità della platea di partecipanti. L’Istituto ha lavorato però per preservare uno dei valori aggiunti del suo corso, ovvero la dinamicità delle lezioni: i relatori affiancheranno ad un’ora di lezione frontale, un’altra ora intera di solo dibattito con gli studenti.

EVENTI – Grazie a due iniziative collaterali, si cercherà di mantenere anche lo stretto legame con il territorio. L’azienda Guido Berlucchi, che celebra quest’anno il 60º anniversario dalla prima bottiglia di Franciacorta al termine della presentazione del corso, domenica 20 giugno, proporrà ai partecipanti connessi da tutto il pianeta una degustazione digitale. Degustazione a cui parteciperanno anche i molti sponsor che ogni anno sostengono le attività dell’Istituto. Mercoledì 23 giugno, inoltre, i corsisti assisteranno live ad un tour guidato del Museo di Santa Giulia, con una guida messa a disposizione dal museo che mostrerà in diretta alcuni dei tesori dello scrigno bresciano, fra domus romane, basilica di San Salvatore, Croce di Desiderio e Vittoria Alata.

Non mancherà anche quest’anno il consueto appuntamento aperto a tutto il pubblico: giovedì 24 giugno alle 15 l’Istituto I.S.E.O d’intesa con l’Università degli Studi di Brescia promuoverà una Lectio Magistralis del premio Nobel per l’Economia 2015 Angus Deaton, il cui ultimo libro che dà nome all’incontro “Deaths of despair and the future of capitalism/Morti per disperazione e il futuro del capitalismo (Il Mulino)” pone l’accento sulle crescenti disuguaglianze che attraversano la popolazione globale – disuguaglianze in alcuni casi annose, in altri acuite dalla pandemia – e sull’assoluta necessità di intervenire per ridimensionarle. Tutto il pubblico interessato potrà assistere alla Lectio Magistralis, collegandosi al canale Youtube del Dipartimento di Economia dell’Università di Brescia al link: https://tinyurl.com/yc4jxt57.

L’Istituto I.S.E.O. è un’associazione no-profit fondata nel 1998 dal professor Franco Modigliani (premio Nobel per l’Economia 1985) e attualmente presieduta dal professor Robert Solow, Premio Nobel per l’Economia 1987. Dalla sua fondazione l’Istituto ha organizzato oltre 50 conferenze aperte a tutto il pubblico, in Italia e all’estero, con grandi nomi dell’economia e non solo.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136