Ad
Ad


Il VII congresso della CISL Scuola di Sondrio

giovedì, 2 dicembre 2021

Berbenno di Valtellina – A Berbenno di Valtellina, alla presenza del Segretario Nazionale CISL SCUOLA, Salvo Inglima, della Segretaria Generale CISL SCUOLA Lombardia, Monica Manfredini, del Segretario Generale UST Cisl Sondrio Davide Fumagalli, si è svolto il VII Congresso della CISL SCUOLA Sondrio che, con un numero di iscritti pari a circa il 54% della forza lavoro, è il sindacato più rappresentativo nel comparto Scuola.

I delegati al Congresso hanno eletto i componenti il Direttivo della CISL SCUOLA di Sondrio che, a loro volta, hanno confermato Elisa Ripamonti nella carica di Segretaria Generale, e hanno eletto Dario Caelli e Miriam Innocenti come componenti della Segreteria.

Il Congresso ha affrontato le principali questioni del comparto (dalla stabilizzazione del personale precario al rinnovo contrattuale) e le difficoltà che scuole e sindacato affrontano nell’attuale la realtà “post pandemica”.

“Questo è un momento in cui le nostre posizioni e le nostre azioni devono essere supportate da un grande dialogo e da un grande lavoro collettivo” ha dichiarato la Segretaria Cisl Scuola Sondrio, Elisa Ripamonti.

Il dato della popolazione scolastica in costante diminuzione negli ultimi cinque anni ha portato non solo ad un ridimensionamento del numero delle classi e del personale, ma anche ad un senso di incertezza generale sul piano sociale e professionale: in assenza di un governo lungimirante della “questione scuola”, renderà ancor più complesso e problematico l’esercizio dei diritti e della rappresentanza. 

Stare insieme per la scuola di domani vuol dire, ha sottolineato la Segretaria Elisa Ripamonti, “lavorare perché l’intera comunità si prenda cura dell’istruzione e della formazione delle giovani generazioni” garantendo la continuità degli interventi formativi attraverso un Piano dell’Offerta Formativa condiviso, nel territorio, tra i soggetti che, a diverso titolo, si occupano di educazione e formazione delle giovani generazioni e un patto di corresponsabilità educativa che impegna scuola-famiglia-studente.

Su questi obiettivi è indispensabile intrecciare competenze, disponibilità, senso di appartenenza, senso capacità di fare organizzazione per essere le persone nella scuola e nel territorio perché INSIEME l’azione diventi sempre più corale. 

Partecipazione, rappresentanza e concertazione sono le parole che definiscono la strategia politica della Cisl scuola e della Cisl. Il Congresso ha ribadito l’importanza e il valore di un modello di rappresentanza unitaria dei lavoratori, con un ruolo forte e autonomo, basato sulla conoscenza dei problemi e sull’assunzione di responsabilità da esercitare maggiormente sul luogo di lavoro, il baricentro dell’azione sindacale. “Dai prossimi giorni – ha concluso Elisa Ripamonti – lavoreremo perché in ogni istituzione scolastica ci siano nostri candidati per le prossime elezioni RSU, per rafforzare la rete dei delegati e attivare forme di coordinamento a supporto del lavoro dei nostri rappresentanti, per migliorare i nostri canali di informazione e comunicazione e per favorire processi partecipativi e decisionali innovativi”



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136