Ad

w

Ad
Ad


Funivie svizzere dopo le accuse di Ricciardi sugli impianti sciistici: “Speculazioni”

lunedì, 15 febbraio 2021

St Moritz – Il direttore di Funivie svizzere respinge le accuse di Walter Ricciardi, consigliere del ministro italiano della salute, secondo le quali la Confederazione elvetica che ha mantenuto aperti gli impianti da sci, è stata la porta di ingresso per la variante britannica del coronavirus in Europa.

“Si tratta di speculazioni”, ha affermato il direttore di Funivie svizzere Berno Stoffel citato dalla Radio svizzera italiana Rsi. E non ci sono evidenze di una responsabilità elvetica nella diffusione di questa variante: le misure di protezione adottate negli impianti sciistici “sono efficaci”, ha spiegato, come già dimostrato nelle scorse settimane da recenti studi e da screening sull’andamento dell’epidemia nelle principali località della Svizzera, dove tra l’altro nonostante mesi di apertura degli impianti oggi si registra il minimo dei dati dei contagi dallo scorso mese di ottobre. Stoffel conferma che non si può imputare allo sci un aumento dei contagi e la sicurezza degli impianti è dimostrata anche da un esame comparativo con altri mezzi di trasporto.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136