Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Sonico, spaccio di cocaina a ospiti della comunità di recupero: due pusher di Berzo Demo e un modenese nei guai

lunedì, 14 settembre 2020

Sonico – A Sonico (Brescia) spacciavano cocaina agli ospiti della comunità di recupero, individuati dai Carabinieri tre pusher.

carabinieri edoloI carabinieri della Stazione di Edolo (nella foto), con la collaborazione di personale del Nucleo Cinofili di Orio al Serio (Bergamo), hanno dato esecuzione ad un provvedimento cautelare, emesso dal Tribunale di Brescia, per il reato di concorso in spaccio di sostanze stupefacenti

L’attività d’indagine ha consentito di identificare ed indagare tre spacciatori stranieri, responsabili di svariate cessioni di cocaina a favore di alcuni ospiti della comunità terapeutica Exodus di Sonico, oltre ad altri tossicodipendenti residenti in alta valle.

Gli accertamenti sono stati avviati a seguito delle segnalazioni inoltrate dal responsabile della struttura di recupero che, anche in un’intervista ad una locale emittente televisiva, aveva rappresentato i propri sospetti su un giro di spaccio di cocaina che interessava alcuni dei ventotto ospiti del centro.

Gli approfondimenti investigativi avviati dai militari hanno consentito di risalire all’identità dei tre pusher di origine marocchina, tutti pregiudicati, rispettivamente di 43, 35 e 31 anni, i primi due vivono a Berzo Demo e l’ultimo in provincia di Modena.

I Carabinieri sono riusciti a ricostruire i contatti tra gli spacciatori e i clienti che acquistavano singole dosi da mezzo grammo di coca in cambio di 80 euro l’una.

Gli stessi militari, accertate le modalità con le quali avvenivano gli incontri, individuati i luoghi ove venivano effettuate le consegne di stupefacente e dopo aver assunto testimonianze da alcuni ospiti inseriti nel programma di recupero, hanno depositato l’esito delle indagini alla Procura della Repubblica di Brescia.

Il GIP ha applicato nei confronti del 43enne, attualmente detenuto in carcere, il divieto di dimora nella provincia di Brescia, mentre gli altri due indagati sono stati sottoposti all’obbligo di presentazione giornaliero.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136