Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Pisogne: mattinata da incubo per i pendolari sulla linea Edolo-Brescia

venerdì, 9 ottobre 2020

Pisogne – Mattinata da incubo per i pendolari sulla linea Edolo-Breno-Iseo-Brescia, scoppia la polemica e Legambiente Basso Sebino chiede di “organizzare meglio la manutenzione della linea”.

Treni Brescia-Edolo 1I fatti : il primo treno della mattina in circolazione sulla linea Edolo-Brescia verso le 5.30 ha incontrato del materiale sui binari che ne ha provocato l’arresto. Durante la notte erano stati fatti degli interventi di manutenzione sulla rete nella galleria tra Marone e Pisogne: sembra che siano state delle canaline di cemento lasciate sui binari a causare l’inconveniente. Ci sono volute circa 4 ore per far tornare alla normalità la circolazione dei treni sulla linea. Il mezzo fermo è stato rimosso e retrocesso nella stazione di Marone verso le 7,00. Nel frattempo è scattato, a rilento, il piano d’emergenza con la sostituzione dei treni con autobus che hanno ridotto i disagi per pendolari e studenti.

“È un peccato che quando si realizzano interventi di manutenzione ci sia da constatare che questi non vengano fatti a regola d’arte.
Proprio in questa fase in cui servirebbe un rilancio della mobilità sostenibile per ridurre traffico stradale e inquinamento, le ferrovie si fanno trovare inefficienti. Se Trenord mostra tutti i suoi limiti nella gestione dei treni, anche FNM, gestore lombardo dei binari, mostra i propri nella manutenzione delle linee”, sostiene Dario Balotta di Legamabiente Basso Sebino.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136