Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Nidi e micronidi in Valle Camonica, doppio bando della Comunità Montana

martedì, 17 novembre 2020

Darfo Boario Terme – Il bando asili nidi e micronidi a sostegno delle famiglie camune. La Comunità montana, in un momento tanto delicato come quello attuale, sta cercando di essere vicina alle varie categorie in difficoltà, in particolare alle famiglie. Una delle ultime misure messe in campo sono dei contributi destinati agli asili nidi, ai micronidi, ai nidi famiglia e ai centri per la prima infanzia, in modo da ridurre e contenere le rette. È stato emanato in questi giorni un bando che si rivolge ai gestori di questi servizi con sede in Valle Camonica. Si tratta di un fondo da 220 mila euro da ripartire tra tutti gli enti che presenteranno domanda in Comunità montana entro le 11 del prossimo 11 dicembre. L’entità del contributo sarà stabilita in base alla media del numero bambini frequentanti la struttura nel 2020.

Tra i servizi che hanno sofferto per le chiusure della scorsa primavera ci sono le strutture che si prendono cura dei bimbi tra zero e tre anni – spiega l’assessore alle Politiche sociali Ilario Sabbadini -, che per alcuni mesi non hanno percepito in modo completo le rette. Questo nostro bando ha una duplice finalità: aiutare i gestori di nidi, micronidi, nidi famiglia e centri per la prima infanzia e al contempo sostenere le famiglie, che beneficeranno di un abbassamento delle rette. È il nostro modo concreto per essere solidali e vicini a queste realtà”.

In collaborazione con la Regione, a valere sulle risorse della quota aggiuntiva emergenza Covid del Fondo sociale regionale 2020, è stato emanato anche un secondo avviso pubblico, sempre riservato ai gestori di nidi, micronidi, nidi famiglia e centri per la prima infanzia della Vallecamonica. Si tratta di ulteriori 36.606 euro da utilizzare per il mantenimento delle unità di offerta per la prima infanzia, pubbliche e private, che hanno risentito delle difficoltà conseguenti al periodo di sospensione delle attività imposto dall’emergenza e al conseguente mancato versamento delle rette. Anche in questo caso le domande dovranno pervenire alla Comunità montana entro le 11 dell’11 dicembre.

Per info uff.politichesociali@cmvallecamonica.bs.it, 0364-324036/324073, oppure www.cmvallecamonica.bs.it



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136