Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Fondi regionali per riserve naturali lombarde: gli interventi in Valle Camonica e Valtellina

venerdì, 20 novembre 2020

Cimbergo – La Regione Lombardia ha stanziato 867mila euro per gli enti gestori delle riserve naturali del territorio lombardo con l’obiettivo di contribuire alla tutela dell’ambiente, alla salvaguardia delle risorse naturali disponibili, al mantenimento di strutture e infrastrutture presenti e al recupero di aree degradate. È quanto stabilito dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi.

rolfi“Saranno contributi straordinari – ha detto Rolfi – che finanzieranno in maniera completa interventi di rinaturalizzazione, di conservazione della biodiversità e di sistemazione idraulico-forestale. Le riserve naturali sono luoghi dove vivono specie naturalisticamente rilevanti che intendiamo salvaguardare per la biodiversità, anche garantendo agli enti gestori gli strumenti e le risorse per svolgere al meglio il proprio lavoro”.

“Valorizzare queste realtà – ha spiegato l’assessore – significa offrire anche ai cittadini maggiori possibilità di fruire, in condizioni migliori, di luoghi straordinari. Nel periodo post Covid i flussi turistici saranno necessariamente diversi e siamo convinti che sempre più persone si recheranno nelle riserve naturali”.

Queste risorse saranno utilizzabili per la manutenzione straordinaria e la riqualificazione del patrimonio naturale, per il ripristino di aree degradate, per la manutenzione delle sedi o centri visita per il rafforzamento delle infrastrutture, per interventi su elementi caratteristici esistenti come muretti a secco o terrazzamenti e per il riequilibrio della funzionalità ecologica degli habitat.

Gli interventi devono essere coerenti con le previsioni del Piano della Riserva e, dove dovuto, con le misure di conservazione di Rete Natura 2000. Potranno essere realizzati in aree private o pubbliche di proprietà dell’ente gestore della Riserva, comune, provincia, demanio dello Stato e regionale. Le aree sulle quali si realizzeranno gli interventi dovranno essere fruibili al pubblico gratuitamente, a esclusione di quelle aree in cui non sia consentito l’accesso al pubblico per motivi di conservazione degli habitat naturali.

La ripartizione delle risorse è stata stabilita in base all’estensione della riserva. Di seguito l’elenco, suddiviso per provincia, con indicazione della Riserva, dell’ente gestore e del contributo concesso.

Bergamo
Fontanile Brancaleone – Comune di Caravaggio – 10.115 euro
Valpredina – Wwf – delegazione della Lombardia – 10.115 euro
Valle del Freddo – Comunità Montana laghi bergamaschi – 10.115 euro
Boschi del Giovetto di Palline – Ersaf – 24.771,43 euro

Brescia
Piramidi di Zone – Comune di Zone – 10.115 euro
Sorgente Funtanì – Comune di Vobarno – 10.115 euro
Valli di Sant’Antonio – Comune di Corteno Golgi – 24.771,43 euro
Rocca del Sasso e parco lacuale – Comune di Manerba – 24.771,43 euro
Incisioni Rupestri di Ceto, Cimbergo e Paspardo – Ente Riserva Naturale Incisioni Rupestri – 24.771,43 euro
Valle del Prato della Noce – Ersaf – 69.360 euro
Torbiere del Sebino – Ente per la gestione delle Torbiere del Sebino – 24.771,43 euro

Como
Lago di Montorfano – Parco della Valle del Lambro – 10.115 euro
Sasso Malascarpa – Ersaf – 10.115 euro
Valle Bova – Comune di Erba – 24.771,43 euro
Valsolda – Ersaf – 24.771,43 euro
Lago di Piano – Comunità montana Valli del Lario e del Ceresio – 24.771,43 euro
Pian di Spagna – Lago di Mezzola Ente Riserva Naturale – 69.360 euro

Cremona
Bosco Ronchetti – Provincia di Cremona – 10.115 euro
Naviglio di Melotta – Provincia di Cremona – 24.771,43 euro
Lanca di Gerole – Provincia di Cremona – 24.771,43 euro

Lecco
Lago di Sartirana – Comune di Merate – 10.115 euro

Lodi
Monticchie – Comune di Somaglia – 24.771,43 euro

Mantova
Isola Boschina – Ersaf – 10.115 euro
Garzaia di Pomponesco – Comune di Pomponesco – 10.115 euro
Palude di Ostiglia – Comune di Ostiglia – 10.115 euro
Isola Boscone – Comune di Boscocarbonara – 10.115 euro
Complesso Morenico di Castellaro Lagusello – Parco del Mincio – 10.115 euro

Milano
Bosco Wwf di Vanzago – Wwf Bosco di Vanzago – 24.771,43 euro

Pavia
Garzaia della Roggia Torbida – Provincia di Pavia – 10.115 euro
Garzaia della Carola – Provincia di Pavia – 10.115 euro
Palude Loja – Provincia di Pavia – 10.115 euro
Garzaia del Bosco Basso – Provincia di Pavia – 10.115 euro
Garzaia di Villa Biscossi – Provincia di Pavia – 10.115 euro
Stagni di Lungavilla – Comune di Lungavilla – 10.115 euro
Boschetto di Scaldasole – Provincia di Pavia – 10.115 euro
Garzaia di Porta Chiossa – Provincia di Pavia – 10.115 euro
Garzaia della Cascina Isola – Provincia di Pavia – 10.115 euro
Abbazia Acqualunga – Provincia di Pavia – 10.115 euro
Monte Alpe – Ersaf – 24.771,43 euro

Sondrio
Piramidi di Postalesio – Comune di Postalesio 10.115 euro
Paluaccio di Oga – Comunità montana Alta Valtellina 10.115 euro
Marmitte dei Giganti – Comunità Montana della Valchiavenna – 10.115 euro
Bosco dei Bordighi – Comunità montana Valtellina di Sondrio – 10.115 euro
Pian di Gembro – Comunità montana Valtellina di Tirano – 10.115 euro
Val di Mello – Comune di Val Masino – 78.030,00 euro

Varese
Lago di Biandronno – Provincia di Varese – 10.115 euro
Palude Brabbia – Provincia di Varese – 24.771,43 euro.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136