Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Corteno Golgi: a metà settimana riapre la strada per Sant’Antonio

domenica, 25 ottobre 2020

Corteno Golgi – La strada comunale che unisce Corteno Golgi (Brescia) alla frazione Sant’Antonio è stata sistemata, resa carrabile, pur con un semaforo e senso unico alternato, e nella giornata del 28 ottobre sarà riaperta per residenti, proprietari di seconde case e chi ha in affitto un alloggio.

Corteno Sant'AntonioDopo l’emergenza maltempo dello scorso 3 ottobre, l’Amministrazione comunale di Corteno, con il sindaco Ilario Sabbadini, i tecnici e i geologi, ha avviato gli interventi di massima urgenza e l’obiettivo era di ripristinare, con tanto di semaforo nella zona dove è avvenuta una frana, il collegamento con la frazione Sant’Antonio, dove sono state evacuate 15 persone. “Il primo intervento – afferma il sindaco Ilario Sabbadini – è stato di somma urgenza ed è servito per il ripristino del collegamento con la frazione, che avverrà a metà settimana dopo i sopralluoghi dei tecnici. Inoltre stiamo definendo un progetto che prevede una sistemazione completa della strada e sistemazione del dissesto idrogeologico fino alla Val Brandet”.

Per tracciare un quadro sui lavori svolti e sul progetto più ampio di Sant’Antonio e Val Brandet domani si terrà un incontro in videoconferenza tra il sindaco Ilario Sabbadini e i tecnici del Comune di Corteno Golgi con l’assessore regionale Fabio Rolfi, che ha la delega alle aree protette, e i dirigenti regionali. “Sarà l’occasione per fare il punto su quanto realizzato in queste settimane – conclude il primo cittadino di Corteno – e anche per illustrate il progetto che abbiamo messo a punto su Sant’Antonio e la Val Brandet”. Dopo l’incontro inizierà la fase operativa, con la ricerca dei finanziamenti necessari (serviranno 6 milioni di euro) e la definizione del progetto esecutivo.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136