Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Inizio del controesodo da incubo in Valle Camonica, turisti in coda da Ponte di Legno, Edolo e Malonno

sabato, 22 agosto 2020

Ponte di Legno – Un rientro da incubo sulla statale 42 del Tonale. Fin dalla mattinata si sono registrati incolonnamenti sulla statale 42, tra la località Iscla ed Edolo. Nel pomeriggio la situazione è diventata ancora peggio, complice un violento temporale che si è scatenato in Valle Camonica che ha spinto molti a lasciare le località di villeggiatura. Così poco dopo le 16 si è formato un serpentone d’auto da Ponte di Legno a Vezza d’Oglio e  tra Iscla ed Edolo. Altri incolonnamenti a Malonno, con tempi di percorrenza raddoppiati e triplicati sulla media.

Ponte di Legno code 01Un incubo per i turisti che oggi hanno terminato le vacanze in Alta Valle Camonica, in particolare a Vezza d’Oglio Temù e Ponte di Legno, oltre al Tonale e per i gitanti di giornata che hanno scelto le località turistiche camune per trascorrere una giornata in tranquillità. Quando si è scatenato il temporale, tutti in auto e appassionatamente in coda.

Il caso dell’imbuto di Edolo è riesploso anche nell’estate del Covid-19, con incolonnamenti quotidiani e, per far compiere un salto di qualità all’Alta Valle Camonica, resta l’obbligo ‘morale’ (visto che la realtà racconta ancora di tempi lunghi con soluzione tutt’altro che immediata tra rinvii e proposte) di realizzazione la variante del paese camuno. Il rischio è veder vanificati gli investimenti che sono stati avviati nelle località turistiche per il salto definitivo di qualità nel panorama alpino.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136