Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Caccia a cinghiali in Lombardia, gli interventi: attesa per i decreti di approvazione in Valle Camonica

venerdì, 19 giugno 2020

Darfo Boario Terme – “Ci siamo mossi subito per dare piena attuazione alla nuova legge regionale che prevede la possibilità di effettuare la caccia di selezione al cinghiale durante tutto l’anno anche nelle ore serali con visore notturno e che ha diversificato anche il periodo relativo alla caccia di selezione per altri ungulati.

Ricordo che abbiamo anche introdotto la possibilità di utilizzare la tecnica del foraggiamento, ossia il posizionamento di piccole quantità di cibo per attirare il cinghiale. La Lombardia dimostra con i fatti di essere all’avanguardia nazionale nella gestione della fauna selvatica. Abbiamo predisposto interventi provincia per provincia per contenere un animale che sta devastando le coltivazioni e che rappresenta un pericolo per la sicurezza dell’uomo, come dimostrano i dati. In Lombardia abbiamo un incidente ogni tre giorni causato dai cinghiali”. Lo ha detto l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi, presentando gli interventi messi in campo per contenere il cinghiale in Lombardia.

Un metodo efficace e concreto per aiutare l’agricoltura
“Nella stagione 2019/2020 – ha aggiunto Rolfi – in Lombardia sono stati abbattuti 9.200 cinghiali, ben 1.827 in più rispetto alla stagione precedente. La caccia di selezione è un metodo efficace e concreto per aiutare l’agricoltura”. “I capi abbattuti in selezione, infatti, sono passati in un anno – ha continuato – da 2.324 a 3.118. Questa attività deve però essere sostenuta da norme avanzate. La legge nazionale ormai è anacronistica”. “A livello lombardo – ha concluso Rolfi – stiamo facendo il possibile per contenere, nella cornice normativa nazionale, una proliferazione continua”.

La caccia di selezione nelle province
La situazione nelle province in cui è attiva la caccia di selezione:
Bergamo: già inviata la richiesta di parere a Ispra, si prevede di avviare a partire da fine giugno 2020 l’intervento Annuale di prelievo del cinghiale.
Brescia: tutte le richieste pervenute dai comprensori alpini sono state inviate a Ispra. La prossima settimana verranno fatti i decreti di approvazione per CA3 (Media Valle Camonica), CA4 (Bassa Valle Camonica) e CA8 (Alto Garda)
Como: iniziata il 13 giugno per la penisola Lariana e Prealpi comasche.
Varese: iniziata il 14 giugno per CA Nord Verbano e inizierà il 1° luglio per ATC1 e ATC2
Cremona: piano di interventi inoltrato a Ispra. In attesa del parere.
Lecco: i cacciatori stanno ritirando i tesserini, si prevede di iniziare la caccia di selezione al cinghiale settimana prossima.
Lodi: caccia di selezione attiva per ATC nord. ATC sud in fase di avvio (piano attivo).
Milano: vecchio piano prorogato fino al 31.12.2020
Pavia: vecchio piano prorogato fino al 30.06.2020

Gli abbattimenti per provincia
Totale abbattimenti cinghiali per singola provincia (controllo + caccia di selezione + caccia collettiva) nella stagione venatoria 2019/20
Bergamo 1.181 (l’anno precedente erano 941)
Brescia 1.241 (l’anno precedente erano 614)
Como 2.189 (l’anno precedente erano 1.916)
Cremona 119 (l’anno precedente erano 152)
Lecco 306 (l’anno precedente erano 260)
Lodi 4 (l’anno precedente erano 6)
Milano 12 (l’anno precedente erano 8)
Pavia 2.332 (l’anno precedente erano 1.973)
Sondrio 362 (l’anno precedente erano 279)
Varese 1.452 (l’anno precedente erano 1.222)
Totale Lombardia 9.198 (l’anno precedente erano 7.371)

Incidenti stradali causati dai cinghiali nel 2019
Numero sinistri stradali causati dai cinghiali nel 2019
Bergamo 13
Brescia 7
Como 9
Cremona 5
Lecco 0
Lodi 1
Milano 6
Mantova 0
Pavia 50
Sondrio 2
Varese 35
Totale complessivo Lombardia 128



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136