Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Brescia prima provincia lombarda per l’inserimento cartografico strade per trasporti eccezionali

giovedì, 28 maggio 2020

Darfo Boario Terme – Brescia prima provincia lombarda per l’inserimento cartografico strade per trasporti eccezionali. “Apprendo con estrema soddisfazione che nella giornata di ieri tutti i 205 Comuni della Provincia di Brescia hanno concluso l’inserimento nell’Archivio Stradale di Regione Lombardia della loro cartografia stradale nell’ambito della quale hanno dichiarato le tratte percorribili dai trasporti eccezionali. Viene così completamente sburocratizzato l’iter di richiesta del nulla osta per le imprese che transitano sulle  tratte stradali bresciane, una provincia che si colloca come dimensione territoriale tra le prime d’Italia proprio anche per la  complessità orografica del territorio”. Il Prefetto di Brescia, Attilio Visconti, ha così commentato il record del territorio bresciano: la provincia di Brescia, prima provincia in Lombardia, ha concluso  l’inserimento delle 205 cartografie comunali nel portale regionale per il transito dei trasporti regionali, non essendo pertanto per il futuro più necessario il nulla osta provinciale.

lavori strade 1Ciò è stato possibile grazie ad un preciso per percorso formativo iniziato a Settembre in Prefettura e proseguito con specifici incontri nel territorio. Infatti, grazie ad uno staff coordinato congiuntamente dal Capo di Gabinetto della Prefettura di Brescia dr. Stefano Simeone e dal Dirigente Ufficio Cartografia della Provincia, Ing. Antonio Trebeschi, sono stati organizzati seminari nei Comuni di Breno, Salò e Chiari, alla presenza di tutti i responsabili comunali addetti all’inserimento cartografico dei comuni limitrofi, e nell’ambito dei quali non solo sono stati illustrati i vari adempimenti prodromici all’inserimento cartografico, ma soprattutto sono state evase tutte le domande relative alle difficoltà che i Comuni hanno riscontrato sul piano tecnico, rendendo così possibile la richiesta di Regione Lombardia.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136