Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Apriti cielo, in Valle Camonica cresce la voglia di cultura

mercoledì, 5 agosto 2020

Breno – Con “Apriti Cielo” la Valle Camonica testimonia l’impagabile voglia di cultura anche in estate.

Poteva essere l’estate senza eventi, senza iniziative e intrattenimenti, invece l’affievolirsi dell’emergenza sanitaria ha lasciato qualche spazio, soprattutto per gli appuntamenti all’aperto, che riescono a garantire maggiore sicurezza.

Raccogliendo grandi passioni, le diverse sensibilità e l’impagabile voglia di fare e proporre cultura in Valle Camonica, il Distretto culturale della Comunità montana ha ideato e realizzato “Apriti Cielo”, un opuscolo informativo che raccoglie alcune delle iniziative culturali del territorio camuno in programma nei mesi estivi. Non solo, “Apriti Cielo” è anche e soprattutto lo strumento nel quale, con parole e immagini, si testimonia la volontà della Valle Camonica di guardare avanti nonostante tutto, strizzando l’occhio alla cultura e alla voglia di socialità.

Apriti Cielo - Valle CamonicaLE RASSEGNE - Ben dodici i festival e le rassegne che animeranno soprattutto le serate di residenti e turisti, con alcune attese riconferme e qualche curiosa novità: Tracce di shomano 2020; Scenari tra borghi e lago a Pisogne; Una montagna di cultura… la cultura in montagna a Ponte di Legno; Curiosi intrattenimenti sempre a Ponte di Legno; Le serate del Macil a Malonno, Notti in castello a Gorzone; Festival internazionale della fisarmonica a Cevo; Segni festival della fotografia a Capo di Ponte; Oltreconfine festival; Rassegna d’ADA tra Darfo e Breno; Musei in festa a Berzo Inferiore e Festival dell’educazione a Malegno. Le mostre e installazioni che si potranno visitare nelle prossime settimane sono sette: Sguardi privati al Camus di Breno, Per filo e per segno al Palazzo della Cultura di Breno, Girogirotondo al Musil di Cedegolo, Leonardo da vinci 3d a Boario Congressi, Suono ferro, My mask al Centro 3T di Sellero e Camminando tra alberi e arte a Cedegolo.

IL MESSAGGIO - “L’emergenza da Covid-19 ha travolto le nostre vite e tutti i settori sono andati in crisi, cultura compresa – dichiarano il presidente della Comunità montana Alessandro Bonomelli e il presidente del Distretto culturale Attilio Cristini -. Gran parte delle agenzie culturali camune hanno tagliato o ridotto all’osso le loro attività. Ma il sostegno garantito loro dalla Comunità montana nel post Covid ha permesso di riattivare il mondo della cultura camuna, incoraggiando gli operatori a lavorare su nuovi progetti. Festival, rassegne, mostre ed eventi estivi sono la testimonianza dell’impegno che chi opera nel campo della cultura ha voluto offrire a quanti affollano le nostre montagne in questo periodo. Con il calendario di “Apriti Cielo” dimostriamo come la proposta culturale della Valle resta importante e alla portata di ogni cittadino e turista”.

“Apriti Cielo” raccoglie anche una serie di eventi e iniziative proposte in diversi paesi della Valle in forma singola, che si svolgeranno in particolare nel mese di agosto con una coda su settembre. L’opuscolo termina gettando un veloce sguardo su tre progetti culturali che si sono sviluppati negli ultimi anni: “La valle contemporanea”, “Segno artigiano”, la comunità del saper fare in Valle Camonica e “Maraèa”, l’archivio della memoria della Valle Camonica. Le iniziative contenute sono state segnalate dagli operatori culturali alla Comunità montana, ma altre si svolgono nelle varie località valligiane.

Info: www.vallecamonicacultura.it



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136