Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Scioperi spontanei alla Ebara di Cles, Sapes di Storo e Pama di Rovereto

lunedì, 12 ottobre 2020

Cles - Nuovi scioperi spontanei nelle fabbriche trentine. Si fermano tra le altre Ebara e Pama. Contratto metalmeccanici, la protesta spontanea delle tute blu trentine per il rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici si allarga. Oggi hanno scioperato per un’ora gli stabilimenti Sapes di Storo e Condino, cento dipendenti, l’Ebara di Cles che conta 250 lavoratori, la Pama di Rovereto dove sono impiegati 250 lavoratori e lavoratrici e le Profilerie Trentine, sempre a Rovereto, che hanno circa 30 dipendenti.

Tutti gli scioperi hanno ottenuto una buona adesione, con punte di mobilitazione quasi totale in Sapes e alle Profilerie Trentine. Tutti gli scioperi sono partiti, come venerdì, in modo spontaneo, indetti dalle RSU per unirsi alle proteste che stanno scoppiando tra le tute blu di tutta Italia.

A dare il via alla mobilitazione è stata la rottura del tavolo con Federmeccanica sul rinnovo del contratto nazionale scaduto a dicembre dell’anno scorso. Dopo diversi incontri il confronto si è bloccato sul punto degli aumenti. I sindacati pretendono un accordo acquisitivo, che porti in tasca aumenti tangibili ai lavoratori. Federmeccanica vorrebbe, invece, bloccare gli aumenti per un’altra tornata contrattuale.

Una posizione inaccettabile per i lavoratori metalmeccanici, che non vedono aumenti veri da 5 anni. La controparte si oppone a qualsiasi incremento reale di salario, sostenendo che il Contratto Nazionale debba limitarsi tutt’al più ad adeguare i minimi salariali all’inflazione e che gli aumenti debbano essere semmai contrattati a livello aziendale. Un pretesto, secondo i sindacati, per non erogare nessun aumento, perché la contrattazione aziendale, in tutti questi anni, quando è andata bene, non è riuscita nemmeno a stare al passo con l’inflazione, ma in moltissime aziende è persino arretrata (quando non del tutto azzerata, come dimostra il caso della Sicor).

Intanto Fiom, Fim e Uil hanno proclamato a livello nazionale il blocco dello straordinario e della flessibilità e le prime 6 ore di sciopero, 2 da gestire a livello aziendale e 4 da tenersi il 5 di novembre.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136