Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Polizia locale, 1,2 milioni di euro ai 43 Corpi sul territorio trentino

sabato, 10 ottobre 2020

Trento – Garantire la sicurezza e la pacifica convivenza tra le persone è una priorità imprescindibile che necessita di un sostegno concreto. Al servizio di presidio e vigilanza sul territorio promosso dai 43 Corpi di polizia locale e sostenuto dalle singole amministrazioni del territorio, sarà dunque destinato dalla Provincia un importo totale di un milione 280mila euro, una somma che riguarda il totale del riparto relativo agli oneri contrattuali del personale. Lo ha deciso la Giunta, su proposta dell’assessore agli enti locali, Mattia Gottardi, che ha messo in luce la necessità di valorizzare la figura dell’agente di polizia locale quale “garante del quieto vivere sia nei piccoli borghi delle valli, sia nei grandi centri. Ascolto e sensibilità sono caratteristiche importanti per i nostri vigili, il cui obiettivo ultimo non è certo fare cassa ma garantire il rispetto delle regole per il bene di tutti”.

Il riparto degli oneri contrattuali alle singole realtà territoriali è stato effettuato sulla base di specifici indicatori e di parametri relativi al servizio di polizia locale. Accanto alla “quota indennità” di 1.206.175 euro – erogata in proporzione al personale effettivamente presente, pari a 700 unità – è stata inserita la “quota vigilanza notturna” di 72.875,63 euro assegnata ai Comuni che hanno avviato il servizio.

La Giunta ha inoltre approvato il riparto definitivo relativo al 2019, alla luce della rideterminazione della quota di vigilanza notturna, tenuto conto delle ore effettivamente svolte dalle amministrazioni beneficiarie. Il ricalcolo ha dunque portato a 1.256.766,88 euro la quota erogata dalla Provincia per l’attività dello scorso anno.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136