Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Ossana, maltempo: il sindaco Marinelli traccia un quadro sugli interventi

venerdì, 9 ottobre 2020

Ossana – Il neo sindaco di Ossana (Trento), Laura Marinelli, ha tracciato un quadro sull’eccezionale ondata di maltempo dello scorso weekend.

Il primo cittadino Laura Marinelli (nella foto) e il Centro Operativo Comunale composto anche dal Comandante dei Vigili del Fuoco e dal Tecnico Comunale, è da sabato 3 ottobre in costante contatto e coordinamento con la Provincia e i suoi Servizi (Bacini Montani e Protezione Civile) per garantire la sicurezza dei nostri abitati. Il consigliere provinciale Ivano Job è stato fisicamente presente nei momenti peggiori. Sono stati diversi i sopralluoghi di tecnici della Protezione Civile e dei Bacini Montani. Con il sopralluogo del tecnico della Protezione Civile Ingegner Pedrazzo il Comune di Ossana “ha iniziato a progettare la messa in sicurezza a breve e a medio termine del nostro territorio”.

Laura Marinelli - Ossana -L’intervento del sindaco Laura Marinelli - “A partire dalla giornata del 3 ottobre il territorio del Comune di Ossana è stato interessato da forti fenomeni atmosferici che hanno messo in pericolo l’abitato di Fucine e di Ossana, fortunatamente senza nessun danno alle persone ma con ingenti danni su immobili e sul territorio. Per fortuna le opere di protezione realizzate dalla Provincia negli scorsi anni, come le briglie sulla Vermigliana e sulla Val Salin, hanno fatto il loro dovere evitando il peggio per gli abitati; ma solo il monitoraggio e il pronto intervento dei nostri Vigili del Fuoco, del Custode Forestale, degli agenti forestali e dei Bacini Montani, hanno evitato la catastrofe salvando le opere di presa dell’acquedotto Zita in Valpiana. Il pronto intervento anche sul tratto finale del Rio Foce Valpiana ha salvato la Centrale “Marco Santini” da danni molto più seri, questo però non ha evitato i danni ai privati che hanno attività economiche nei dintorni a cui va tutta la solidarietà dell’Amministrazione. Il Centro Operativo Comunale di Protezione Civile è stato attivato subito, ed è ad oggi ancora attivo in quanto si attendono ulteriori precipitazioni per il fine settimana anche se di carattere meno intenso rispetto a sabato scorso, la vigilanza rimane alta. Da sabato mattina abbiamo subito attivato tutti gli strumenti necessari per fare fronte ai danni subiti e per mettere in sicurezza e scongiurarne di altri. Inoltre nelle ore successive agli eventi abbiamo intavolato un incontro con cittadini interessati, esperti del territorio, consiglieri e tecnici dal quale sono emerse interessanti criticità a cui fare fronte. Chiediamo a tutti i cittadini qualora vogliano segnalare danni o pericoli idrogeologici di segnalarli con una lettera firmata da depositare in Comune o da mandare alla mail sindaco@comune.ossana.tn.it, saranno allegati alle relazioni e alle progettazioni”.

vigili fuocoL’attività - Il sindaco Laura Marinelli è sempre stata in costante relazione non solo con i tecnici provinciali ma anche con la parte politica attraverso prima di tutto Ivano Job e Ugo Rossi, è in contatto con il presidente della Provincia Maurizio Fugatti e con l’assessore competente GIulia Zanotelli che hanno assicurato massimo supporto.

Al presidente è stata mandata una relazione con i danni registrati che qui si allega per chiedere lo stato di calamità.

Vogliamo ricordare l’ordinanza di chiusura della strada di Valpiana da Sant’Antonio ricordando a tutti che, l’impossibilità di oltrepassare quel limite è stato voluto per la sicurezza dei nostri censiti essendo la valle piena di detriti rischiosi e in fase di ripristino con diversi macchinari in circolazione. Saranno effettuati nel fine settimana controlli specifici da parte delle forze dell’ordine.

Cogliamo l’occasione per ringraziare infinitamente tutti quelli che hanno dato il loro indispensabile contributo nel fronteggiare questa catastrofe, in particolare il Corpo Volontario dei Vigili del Fuoco di Ossana e il suo Comandante. Ancora una volta ci rendiamo conto di quanto questi volontari formati e specializzati siano il cuore della nostra comunità. Dobbiamo ringraziare anche i Vigili del Fuoco di Mezzana e di Terzolas che hanno assistito i nostri volontari nei momenti più difficili, così come il Custode Forestale, gli agenti forestali e i tecnici, gli operai dei BM e le ditte private che sono intervenute.

Confidiamo nei prossimi giorni nella collaborazione di tutti i censiti nel capire i divieti in Valpiana, nonostante la curiosità, nel segnalarci eventuali pericoli e danni e nel proporre interventi per la messa in sicurezza del nostro territorio“, conclude il sindaco di Ossana.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136