Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Ottima raccolta di mele in Val di Non, Fedrizzi (Melinda): “Stiamo ampliando le varietà”

lunedì, 21 ottobre 2019

Cles (A. Pa.) – La raccolta delle mele in Val di Non volge al termine ed è già possibile tracciare i primi bilanci. Punto di riferimento a livello nazionale ed europeo è il Consorzio Melinda che, accanto alle mele classiche, ha avviato la produzione di nuove qualità che stanno arrivando sui mercati. Il Consorzio Melinda, fondato 30 anni fa, è leader indiscusso a livello nazionale: raggruppa 16 cooperative del Trentino e nei quasi 7mila ettari di meleti della Val di Non e della Val di Sole produce una media annua di 440mila tonnellate di mele.

Quest’anno – spiega Andrea Fedrizzi (nel video), direttore comunicazione e marketing del Consorzio Melinda - il tempo è stato favorevole e la raccolta prosegue secondo il calendario, con un’elevata qualità che rispecchia l’aspettativa dei consumatori. A livello quantitativo è leggermente inferiore alla media, ma saremo in grado di soddisfare tutte le esigenze nell’arco dell’anno. Inoltre stiamo ampliando le varietà di mele, che stanno conquistando i mercati“.

VIDEO

I segreti del successo a livello nazionale e internazionale delle mele Melinda, che ha il riconoscimento DOP dal 2003, sono la qualità dei prodotti e il saper sviluppare varietà nuove. In quest’ottica c’è un grande investimento sulle nuove mele Club, che rappresentano per Melinda un punto focale a livello strategico. L’introduzione di diverse varietà nelle Valli del Noce apre infatti a nuovi mercati, allineando il Trentino ai trend internazionali, per garantire una produzione che incontri il gusto e la voglia di sperimentare dei consumatori moderni e, al contempo, migliori le prospettive di stabilità del settore.

Pomaria- Melinda meleLa corretta gestione delle nuove varietà, che si affiancheranno a quelle classiche (Golden, Renetta, Gala, Evelina ad esempio) e ormai radicate nelle abitudini degli italiani, è frutto di un grande impegno in ricerca e sviluppo, di cui lo studio dell’apprezzamento da parte dei consumatori è parte fondamentale. E le prime risposte, con l’assaggio delle nuove varietà a Pomaria la scorsa settimana e in importanti test a livello nazionale ed estero, sono positive. Alcune delle nuove varietà – tra cui Sweetango® – hanno già sedotto il mercato e hanno già una elevata richiesta.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136