Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Arriva il Festival dei Castelli Trentini: il programma degli appuntamenti

lunedì, 5 ottobre 2020

Castel Caldes - Arriva il Festival dei Castelli Trentini, dal 14 al 31 ottobre saranno numerosi gli eventi che andranno ad impreziosire sale, corti e giardini di cinque castelli del Trentino.

val di sole gdv estate vermiglioLa Sala Grande del Buonconsiglio, il Campo dei Tornei di Castel Beseno, Castel Thun e Castel Stenico, la Corte esterna e la Sala Conferenze di Castel Caldes: sono luoghi suggestivi, affascinanti, ricchi di storia e cultura. Per l’occasione diventeranno palcoscenici d’eccezione che il Festival dei Castelli trentini cercherà di valorizzare ulteriormente proponendo una rassegna di qualità, raffinata ed elegante. Litterini Servizi Multimediali presenta un programma fitto che porterà teatro, musica e grandi nomi dello spettacolo con proposte artistiche in linea con il fascino degli spazi che andranno ad occupare.

Arisa a Castel Beseno, Raphael Gualazzi e la Banda Osiris a Castel Thun, Cecilia Harp al Buonconsiglio sono solo la punta di diamante di un cartellone che vede in scena anche nomi di rilievo del panorama artistico e culturale del Trentino:

“I Teatri Soffiati” e “Il Teatro delle Quisquilie” sono tra i nomi locali più importanti del teatro per bambini e ragazzi, e non solo. Il primo si occupa di teatro e formazione già dal 1998. Il “Teatro delle Quisquilie”, attivo dal 1997, gestisce il “Teatro San Marco” di Trento, presso il quale propone la rassegna “La famiglia va a teatro”.

Barbara Bertoldi insegna da oltre 20 anni ai Minipolifonici di Trento, e nel frattempo si è esibita in tutta Europa. Si occupa di musica contemporanea ma è soprattutto esperta di musica barocca.

Gli “Apocrifi” suonano dal 2004 in Trentino ma anche in tutto il nord Italia. I loro concerti sono stati più volte patrocinati dalla Fondazione Fabrizio De André di Genova.

La “Rovereto Wind Orchestra” coinvolge musicisti provenienti da tutta la Provincia di Trento e dalle province limitrofe. Numerosissime le partecipazioni in tutta Europa e i riconoscimenti, anche di livello mondiale.

“ArciTrio” è il progetto di tre musicisti trentini (Pietro Prosser, Alessandro Baldessarini e Eddy Serafini), impegnati nella ricerca, trascrizione, adattamento e nell’utilizzo di strumenti originali tipici del barocco e rinascimento.

Il Tamburo del Sole” si forma a Trento nel lontano 1993, e coinvolgendo via via diversi musicisti, alterna spettacoli di cantastorie per bambini a concerti di musica popolare dell’est e concerti di musica rinascimentale, con ballerini e figuranti.

Lucio Gardin e Mario Cagol sono due artisti che in Trentino non hanno bisogno di presentazioni, talmente grande è il loro apporto alle manifestazioni culturali e alle produzioni locali.

Il “Coro Altreterre” da ormai 20 anni propone concerti di musiche da tutto il mondo. Si tratta di un coro polifonico a voci miste, composto quasi unicamente da dilettanti, unico nel suo genere in un territorio in cui la coralità è sicuramente un aspetto rilevante.

Gli spettacoli in calendario sono rivolti ad ogni tipo di pubblico: dalle proposte di teatro-ragazzi, per bambini e famiglie, ai concerti di musica leggera, agli eventi più riflessivi dedicati ai più grandi.

L’obiettivo del Festival è quello di valorizzare gli spazi a disposizione, rispettandone la storia e l’importanza architettonica e culturale. La Sala Grande, nel cuore del Castello del Buonconsiglio, vedrà esibirsi l’ArciTrio con un concerto per tre liuti incentrato sul periodo rinascimentale e barocco da cui provengono i loro strumenti. Cecilia Harp mostrerà invece una rielaborazione più moderna di un concerto per arpa e voce.
A Mario Cagol invece rimane il compito di chiudere e alleggerire con un sorriso la terza ed ultima serata al Buonconsiglio con il suo spettacolo “Stendap: Stand Up”.
Castel Caldes, che ha un aspetto e una storia meno “solenne” e più residenziale, ospiterà una programmazione più popolare, come il concerto di Barbara Bertoldi che recupera e rende moderne le melodie delle Dolomiti, con canti tradizionali della montagna riscritti per voce e violoncello. Il Tamburo del Sole proporrà la musica e la cultura “klezmer” alternata da brani di tradizione rom, sinti e dell’Europa dell’Est. Infine Nella vecchia fattoria, spettacolo teatral-musicale che coinvolgerà bambini e ragazzi.
Castel Thun ospiterà due concerti tra i più attesi, Banda Osiris e Raphael Gualazzi, grazie anche ai vasti spazi di cui dispone.
Oltre all’invitante concerto di Arisa, a Castel Beseno andrà in scena Tutti morimmo a stento: dedicato ad un pubblico adulto, lo spettacolo tratta il tema della morte alternando ai brani musicali del lavoro più ermetico di Fabrizio de André testi altrettanto forti e profondi, come la ricostruzione del suicidio di Primo Levi che si lega alla straziante “Ballata degli impiccati”.
Non poteva essere che il Castello di Stenico ad ospitare Giallo comico a Castel Stenico, spettacolo che prende forma dai racconti degli studenti delle scuole primarie e secondarie, chiamati ad ambientare proprio qui delle misteriose narrazioni tipiche del genere giallo con disegni, testi teatrali, fumetti, novelle grafiche. Ne è nato un libro che Lucio Gardin rileggerà a suo modo, in una rappresentazione che unisce musica, immagini, racconti accompagnato dai “Menestrelli del re”.  La principessa rapita coinvolgerà i bambini e le loro famiglie in uno spettacolo teatrale basato su un intreccio di fiabe comico e divertente, facendo vivere ai bambini storie di castelli, fate, duelli proprio nel loro ambiente più consono. Il Coro Altreterre presenterà invece un vasto repertorio di canti provenienti da tutto il mondo arrangiati per coro polifonico a voci miste e percussioni etniche, in un viaggio che spazia dall’Africa, al Sudamerica, dalla Russia all’area bretone e celtica, dalla Spagna ai Paesi dell’Europa dell’est, senza tralasciare le sonorità dei neri d’America o le tradizioni anglosassoni.

Questo il programma nel dettaglio:

  • 14 ottobre alle 20.30 ArciTrio al Castello del Buonconsiglio, Sala Grande, ingresso gratuito
  • 15 ottobre alle 20.30 Cecilia Harp al Castello del Buonconsiglio, Sala Grande, ingresso gratuito
  • 16 ottobre alle 20.30 Mario Cagol in “Stendap (Stand-up)” al Castello del Buonconsiglio, Sala Grande, ingresso gratuito
  • 17 ottobre alle 16.00 Arisa a Castel Beseno, Campo dei Tornei
  • 18 ottobre alle 16.00 Apocrifi e Rovereto Wind Orchestra in “Tutti morimmo a stento” a Castel Beseno, Campo dei Tornei
  • 18 ottobre alle 16.00 Tamburo del Sole a Castel Caldes, Corte esterna, ingresso gratuito
  • 24 ottobre alle 15.30 Coro Altreterre a Castel Stenico, Campo dei Tornei, ingresso gratuito
  • 24 ottobre alle 15.30 Banda Osiris a Castel Thun, Campo dei Tornei
  • 25 ottobre alle 15.30 “La principessa rapita” de “I Teatri Soffiati” a Castel Stenico, Campo dei Tornei, ingresso gratuito
  • 25 ottobre alle 15.30 Raphael Gualazzi a Castel Thun, Campo dei Tornei
  • 30 ottobre alle 20.30 Barbara Bertoldi a Castel Caldes, Sala delle Conferenze, ingresso gratuito
  • 31 ottobre alle 15.30 Lucio Gardin a Castel Stenico, Campo dei Tornei
  • 31 ottobre alle 15.30 “Nella vecchia fattoria” de “Il Teatro delle Quisquillie” a Castel Caldes, Corte esterna, ingresso gratuito

I biglietti saranno in prevendita a partire dal 7 ottobre sul circuito “Primi alla prima”. Maggiori informazioni su www.festivaldeicastellitrentini.it



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136