Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


La Valtellina attende il Giro d’Italia e punta sul grande ciclismo

giovedì, 10 settembre 2020

Bormio – Le località dove farà tappa il Giro d’Italia 2020 si stanno tingendo di rosa, ma non ci saranno grandi apertura di strutture alberghiere, in particolare in Valtellina, dove la corsa rosa arriverà il 23 ottobre con la tappa Pinzolo- laghi di Cancano e il giorno dopo la partenza da Morbegno. L’invito – che giunge dal mondo dello sport – è compiere uno sforzo e aprire le strutture, uno spot per il ciclismo e anche per la stazione invernale.

bormioIl ciclismo ha grande appeal in  Valtellina, Valle Camonica e Trentino. Il recente Giro Under 23, che si è concluso sabato scorso ad Aprica (Sondrio) con due tappe in Valtellina e Valchiavenna ha fatto da grande richiamo per il pubblico.

Inoltre le giornate dei passi alpini – promossi dal Parco dello Stelvio – con il Gavia, Stelvio, Mortirolo e laghi di Cancano hanno avuto un grande successo, come negli scorsi anni e il bilancio è molto positivo. E’ stata anche presentata ufficialmente la maglia col marchio “Mortirolo”, una salita mitica, riconosciuta in tutto il mondo e che vogliamo valorizzare sempre più. La nuova maglia verrà distribuita dalla “Alè” e Alessia Piccolo, amministratore delegato dell’importante azienda, ha preannunciato di voler organizzare un evento l’anno prossimo sul Mortirolo.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136