QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Vermiglio, storico viaggio a Mitterndorf: sarà ricordata la deportazione del Prima Guerra Mondiale

venerdì, 2 ottobre 2015

Vermiglio –  Un viaggio storico e una rievocazione di quanto accade cent’anni fa nell’Alta Val di Sole, quando gli abitanti di Vermiglio (Trento) vennero deportati a Mitterndorf. Il paese austriaco, a pochi chilometri da Vienna, che all’epoca aveva poche centinaia di abitanti (oggi ne conta quasi tremila), accolse i deportati da Vermiglio e Trentino.

A distanza di un secolo in questo fine settimana 173 vermigliani, con in testa il sindaco Anna Panizza, tornano a Mitterndorf (Nelle foto la rievocazione di agosto).

LA STORIA

Durante la Prima Guerra Mondiale vennero deportati a Mitterndorf 1931 trentini, di cui 875 bambini, la maggior parte dalla Val di Sole e Vermiglio si svuotò. Più del 50 per cento dei deportati morì per tubercolosi, polmonite, tifo e chi fece ritorno dopo la guerra a Vermiglio trovò la distruzione totale. L’evento è stato rievocato il 22 agosto a Vermiglio coni diversi momenti e centinaia di persone hanno avuto modo di ripercorrere la storia di quanto accade un secolo fa.  Il ricordo – tramandato alle nuove generazioni – è vivo anche nei giovani e in agosto un gruppo. guidato dal parroco don Enrico Pret, ha fatto il viaggio a piedi fino a Malè, quindi in treno a Vienna, poi hanno raggiunto Mitterndorf. “E’ stato una bella esperienza”, sostiene don Enrico Pret, che ha anche partecipato alla rievocazione storica a Vermiglio, svolgendo il ruolo dell’allora parroco che aveva annunciato la deportazione.

IL VIAGGIO

In questo weekend  i vermigliani sono di nuovo a  Mitterndorf: ieri in 173 – con tre pullman – sono partiti per l’Austria. Sono in programma diverse tappe a Vienna, quindi alla Chiesa di Loretto, mentre domenica ci sarà la cerimonia ufficiale alla presenza del coro Presanella e del corpo bandistico di Ossana-Vermiglio.

“Il viaggio di questi giorni e la rievocazVERMIGLIO SAT PRESANELLA1ione storica di agosto – sostiene il sindaco di Vermiglio, Anna Panizza – rientrano nel programma della Prima Guerra Mondiale. Fino al 2018 avremo un ricco programma di eventi dove sarà coinvolta l’Alta Valle di Sole”.

“Il primo passo – aggiunge – è stato ricordare la deportazione a  Mitterndorf”. Il clou del viaggio sarà domenica con la cerimonia ufficiale, con l’inaugurazione di una targa a ricordo dei caduti della Grande Guerra e il trasferimento a Katzenau, dove vennero internati gli irredentisti. Poi il ritorno a Vermiglio.

di Alberto Panzeri


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136