Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Tempesta Vaia in Trentino, il PATT interroga la Giunta provinciale sui contributi

mercoledì, 27 maggio 2020

Trento – In un interrogazione, presentata dal gruppo PATT in Provincia, con primo firmatario il consigliere Ugo Rossi viene chiesto alla Giunta provinciale: “Quando si pensa di ultimare le liquidazoni dei contributi da tempesta Vaia?”.

Dimaro, dopo l’alluvione rientrano a casa le prime famiglieSono passati quasi due anni, da quando a ottobre 2018 su alcune zone del Trentino si scatenava l’evento “Tempesta Vaia”. In data 29 ottobre 2019 la Provincia ha reso nota la relazione alla Commissione speciale di studio sui danni causati dalla perturbazione meteorologica eccezionale che ha colpito il Trentino denominata “tempesta Vaia”.

I numeri, diffusi dalla Provincia Autonoma di Trento, evidenziavano che i danni al patrimonio forestale si estendevano su una superficie complessiva di 19.545 ettari, ovvero quasi 4 milioni di metri cubi di legname schiantato.

Un danno complessivo per 359 milioni di euro compresi danni alla zootecnia e alla filiera del legno, ma anche quelli a strade, infrastrutture, corsi d’acqua, strutture pubbliche e private. Poiché sono pervenute segnalazioni di pratiche non ancora evase è opportuno fornire un riepilogo della situazione ad oggi. Tutto ciò premesso si interroga il Presidente della Provincia per conoscere:

1. Quante domande di contributo sono state presentate;
2. quante domande di contributo sono state evase;
3. quante domande di contributo devono essere ancora evase;
4. quando saranno liquidate le rimanenti.

A norma di regolamento, si chiede risposta scritta
I consiglieri provinciali Ugo Rossi, Michele Dallapiccola e Paola Demagri



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136