Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Import-export in provincia di Trento, il calo del primo trimestre 2020 nei numeri della Camera di Commercio

venerdì, 12 giugno 2020

Trento - Nel primo trimestre di quest’anno il valore delle esportazioni trentine si è attestato a 912 milioni di euro con una contrazione tendenziale del 9,4%. Il drastico calo, in linea con le anticipazioni fornite dall’indagine sulla congiuntura della Camera di Commercio, è in parte da ricondurre all’impatto negativo sulla produttività e sulla domanda di beni, registratosi a seguito delle misure di contenimento adottate nel nostro Paese e nei principali luoghi di destinazione dei nostri prodotti.

A marzo 2020 l’interscambio commerciale con i Paesi extra-Ue ha registrato una contrazione del 5,2% mentre verso i Paesi dell’Unione europea il calo è stato dell’11,5%. L’Unione europea (28 Paesi) ha assorbito il 65,9% delle esportazioni complessive confermandosi la principale direttrice per l’interscambio di merci con l’estero.

I principali partner commerciali della provincia di Trento si confermano essere la Germania (17,4% dell’export complessivo), gli Stati Uniti (12,1%) e la Francia (9,6%). Nel primo trimestre, sia l’interscambio con la Germania (-11,1%), sia quello con la Francia (-15%), hanno registrato una importante flessione; meno marcata, invece, la contrazione dell’export verso gli Stati Uniti (-4,3%).

Le esportazioni sono costituite principalmente da prodotti dell’attività manifatturiera (93,8% del valore complessivo). La quota maggiore è da attribuire ai “prodotti alimentari, bevande e tabacco” (17,7%), seguiti da “macchinari ed apparecchi” (16,3%), “mezzi di trasporto” (16,2%), “sostanze e i prodotti chimici” 10,2%) e “metalli di base e prodotti in metallo” (7%).

Particolarmente colpite, in questa fase, le vendite all’estero di “macchinari ed apparecchi” (-52 milioni), “mezzi di trasporto” (-18 milioni) e “articoli farmaceutici, chimico-medicali e botanici” (-6,5 milioni). All’interno di un contesto sfavorevole trasversale a tutti i prodotti esportati, mostrano ancora segnali di tenuta i “prodotti alimentari e bevande” (+2,5 milioni), le “sostanze e prodotti chimici” (+2,4 milioni) e le produzioni agricole non trasformate (+2 milioni).

Nello stesso periodo, il valore delle importazioni delle merci in Trentino è risultato pari a 611 milioni di euro, registrando un calo dell’8,2% (-55 milioni) rispetto al primo trimestre 2019. Tra le categorie merceologiche importate, al primo posto si collocano i “mezzi di trasporto” con il 17,7% delle importazioni complessive, seguiti da “legno, prodotti in legno, carta e stampa” e da “prodotti alimentari, bevande e tabacco” entrambi con una quota del 13,2%. Il saldo della bilancia commerciale della provincia di Trento si attesta sul valore complessivo di 300 milioni di euro.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136