QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Edolo, l’onorevole Borghi presenta il libro “Piccole Italie” e lancia un messaggio: “Valorizziamo le aree montane”

sabato, 10 giugno 2017

Edolo – Un pubblico interessato, tra studenti, docenti universitari, politici e amministratori hanno partecipato alla presentazione del libro “Piccole Italie” dell’onorevole Enrico Borghi (PD), capogruppo della VII Commissione Ambiente e Territorio della Camera, Presidente Uncem e Fondazione Montagne Italia e consigliere del Ministro De Vincenti per l’attuazione della Strategia Nazionale delle Aree Interne, all’università della Montagna di Edolo.Unimont 1

L’incontro, introdotto dalla professoressa Anna Giorgi, ha visto gli interventi del sindaco di Edolo, Luca Masneri che ha rilanciato il progetto montagna: “Occorre essere uniti nella valorizzazione dei nostri territori che non hanno bisogno di nulla se non quello di lasciarci le risorse, ad esempio quelle legate allo sfruttamento idroelettrico”.

Quindi gli interventi della vicepresidente della Comunità Montana Valle Camonica, Simona Ferrarini, il collegamento con il presidente della Provincia, Pierluigi Mottinelli, impegnato a Brescia, e gli interventi dell’onorevole Davide Caparini, dei consiglieri regionali Fabio Fanetti, Donatella Martinazzoli e Stefano Bruno Galli, della presidente del Bim Adda Carla Cioccarelli e di Pier Luigi Svaluto Ferro, consigliere della Provincia di Belluno. In collegamento anche Gianfranco Alberti, Presidente della Comunità Montana dell’Oltrepó Pavese e Sindaco di Varzi, e gli amministratori dell’area interna Alto Oltrepó Pavese – Appennino Lombardo e Bartolomeo Schirone, Presidente Corso di Laurea Scienze della Montagna – Università degli Studi della Tuscia. Tra gli altri erano presenti il sindaco di Corteno Golgi, Martino Martinotta e alcuni amministratori della Valle Camonica.

Unimont 2

La professoressa Anna Giorgi ha evidenziato che “L’università della Montagna pone al centro dell’attenzione la questione territoriale che, come evidenziato dalla pubblicazione dell’onorevole Borghi, è un tema cardine per il futuro dell’intero Paese”.

Poi l’onorevole Enrico Borghi ha illustrato i motivi che lo hanno spinto a scrivere un libro sulla montagna e i piccoli paesi partendo dall’analisi storica del primo Dopoguerra e arrivando ai nostri giorni. “Oggi – ha detto l’onorevole Borghi – c’è l’assenza di una politica dei territori e questo penalizza ancor di più le aree montane”. Durante la presentazione ha indicato la strategia per il rilancio della montagna, in termini di attività e di presenze. Il messaggio che parte dalle pagine di “Piccole Italie” è positivo: dalle aree interne e montane si ricostruisce l’identità e il senso di comunità di un Paese straordinario ma al tempo stesso fragile come l’Italia.

Non sono mancate testimonianze e critiche soprattutto per la presenza della burocrazia che soffoca ogni attività e fa arrabbiare i cittadini.

Nelle conclusioni l’onorevole Borghi ha sintetizzato la situazione: “Tutto è ascrivibile alla crisi della politica e quando c’è un vuoto si creano o si alimentano altre forme di potere, come la burocrazia”. “A questo punto – ha concluso Borghi – non ci rimane che impegnarci in prima persona in politica, portando idee e progetti che limitino la burocrazia da un lato e dall’altro facilitino il lavoro delle singole comunità”.

IL RACCONTO E GLI SPUNTI DEGLI INCONTRI DI EDOLO E ISEO

Due incontri, a Edolo e a Iseo, che hanno coinvolto esponenti del mondo politico su scala locale, regionale e nazionale. Protagonista il volume dell’On. Enrico Borghi, deputato del Partito democratico e capogruppo della VIII Commissione (Ambiente, Territorio, Lavori pubblici) della Camera, “Piccole Italie”, che tratta le aree interne e montane, tra opportunità e sviluppo.

“Il tema – ha dichiarato Borghi – non è il destino del singolo piccolo Comune, ma dell’identità stessa del nostro Paese. Quello che stiamo cercando di attuare attraverso la Strategia Nazionale delle Aree Interne è un modello di sviluppo per rendere le nostre comunità, tutte, capaci di cogliere la sfida della modernità. Organizzare la complessità vuol dire agire secondo la logica “del cacciavite”, operando puntualmente sui territori dopo averne studiato storia e vocazione. Dobbiamo ripartire da qui, dalle Piccole Italie, se vogliamo ricostruire una politica capace di rispondere alle esigenze dei nostri cittadini e alle capacità di tutti i territori, dentro una stagione politica che ha messo alle spalle le grandi riforme e che deve aprirsi, almeno, alle riforme possibili”.

Se si guarda alle dinamiche territoriali che hanno interessato il nostro paese negli ultimi cinquant’anni, non si possono non considerare le profonde mutazioni di scenario che si sono succedute. Agli anni sessanta, caratterizzati dalla programmazione statale e dalla pianificazione territoriale, sono seguite le stagioni del regionalismo e del federalismo, fino ai più recenti tentativi di riassetto istituzionale, culminati nella mancata revisione costituzionale. In questo percorso poco si è insistito sul ruolo dei territori, e soprattutto delle comunità, che nel dibattito pubblico sono state relegate in una posizione marginale. Questo libro è una riflessione su cosa sia la politica territoriale, dopo la fine dell’interventismo statale e la crisi del regionalismo, e su cosa possano rappresentare i territori nella sfida della modernizzazione italiana.

“E’ davvero dalle aree interne e montane che si ricostruisce l’identità e il senso di comunità della nostra meravigliosa Italia -  ha commentato il Presidente Mottinelli. E le riflessioni contenute nell’opera dell’On. Borghi sono davvero interessanti. Le zone montane sono una risorsa per il nostro Paese e meritano un futuro fatto di sviluppo del territorio, garanzia di servizi e innovazione, elementi fondamentali per i diritti dei cittadini montani. E’ necessario creare le condizioni per la crescita e l’impiego delle risorse di questi territori, un obiettivo da raggiungere in forma associata attraverso le Unioni dei Comuni montani e attraverso l’impegno dei Sindaci, chiamati quindi a lavorare in sinergia per la crescita del loro paese. E’ fondamentale valorizzare le risorse alpine: gare di concessione idroelettriche, utilizzo delle foreste per i certificati di carbonio, agricoltura montana, con una particolare attenzione al dissesto idrogeologico”.

La popolazione alpina, con l’impegno profuso a presidio del territorio e dei servizi ecosistemici per assicurarne qualità e continuità, deve essere messa nelle condizioni di poter vivere in montagna con adeguati servizi e opportunità in una rafforzata solidarietà con chi vive in pianura e nelle grandi città. “Piccole Italie” racconta in modo egregio quanto si possa fare nella sfida della modernizzazione italiana, ci permette di riflettere sulla politica territoriale e soprattutto su cosa possono rappresentare i nostri territori montani.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136