QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Edolo, seconda fase del Progetto Alvina: è iniziato il cammino alpino del professor Duranti

mercoledì, 21 giugno 2017

Edolo – E’ iniziato oggi da Edolo (Brescia) il cammino del professor Marcello Duranti: in 55 tappe percorrerà la via Alpina da Edolo a Montecarlo passando da Valtellina, Grigioni, Vallese, per poi rientrare in Italia e dalla Valle d’Aosta scendere fino al Mediterraneo.

“E’ un grande progetto – spiega il professor Marcello Duranti, docente del corso di laurea in Valorizzazione e Tutela dell’Ambiente e del Territorio Montano all’Università degli Studi di Milano – che ha l’obiettivo di unire l’arco alpino, scoprendo i sentieri e le vie che nel corso dei secoli sono state percorse da viaggiatori ed escursionisti”.

IL PROGETTO - L’iniziativa rientra nel progetto “Alvina”, acronimo di “ALpine VIrtual NAtion”. Lo scorso anno il professor Marcello Duranti percorse la prima parte, da Trieste a Edolo. Quest’anno la seconda da Edolo a Montecarlo. Partenza dalla sede dell’Università della Montagna quindi viale Derna, poi il sentiero in direzione del Mortirolo. “Il cammino – prosegue il docente universitario – si articolerà in 55 tappe con tre obiettivo: il primo è la scoperta dell’itinerario, il secondo è prendere coscienza e terzo è conoscenza dell’ambiente e dell’habitat”.

Fondamentale è camminare in un mondo dove si usano sempre più i mezzi e sempre meno le gambe. ”Negli ultimi due secoli – prosegue il docente universitario – siamo diventati  un popolo di sedentari: percorrere nuove vie può rappresentare un’occasione per nuovi viaggi di persone e gruppi”.

Il lungo trekking che racchiude tutto l’arco alpino, con uno sviluppo complessivo di non meno di 1.500 chilometri di percorso, è al centro del progetto dell’Università della Montagna e l’iniziativa del professor è una testimonianza “di come cultura e scienza possano contribuire a valorizzare questa regione unica al mondo”.

Unimont seguirà in diretta il cammino del professor Duranti, localizzerà la sua presenza sulle Alpi e ci sarà una comunicazione diretta. “Purtroppo – osserva il professor Duranti – ci saranno passaggi in zone con assenza della Rete, canali innevati, zone impervie difficili da raccontare in diretta per l’impegno psicofisico, ma sarà un’esperienza unica”

IL CAMMINO 2017 - E’ iniziato oggi da Edolo, con la salita al Mortirolo, il cammino alpino, domani discesa a Tirano e ingresso nella Val Poschiavo, quindi ci saranno i passaggi sulle Alpi svizzere dai Grigioni al Vallese, le Alpi francesi, infine quelle piemontesi e l’arrivo a Montecarlo. “Tutto il materiale fotografico e non  che raccoglierò – conclude il docente universitario – sarà messo a disposizione e sarà strategico nell’ottica della Macroregione Alpina”.

IL PROGETTO E’ ALLA SECONDA FASE
Il Professor Marcello Duranti ha iniziato la 2° fase del suo Progetto Alvina – da Edolo a Montecarlo –  che lo porterà a terminare la traversata della regione alpina. La partenza è stata proprio dall’Università della Montagna – sede distaccata ad Edolo dell’Università degli Studi di Milano – che seguirà il Professore lungo tutto il suo cammino.

Il progetto ALVINA è un viaggio di 1.500 km che racchiude l’arco alpino e che vuole richiamare l’attenzione su una regione unica al mondo, quella delle Alpi. Nel 2016 il Professor Marcello Duranti ha compiuto il primo tratto, da Opicina a Edolo, e oggi è partito per intraprendere la 2° parte del cammino per arrivare a Montecarlo. L’Università della Montagna ed Edolo hanno dunque un ruolo rilevante nel progetto: oltre ad avere una posizione strategica al centro delle Alpi, in Valle Camonica, sono infatti testimonianza che scienza e cultura aiutano a contribuire e valorizzare questa regione.

Per questa ragione, UNIMONT ha deciso di seguire il Professor Duranti e di rimanere in contatto con lui, tracciando il percorso del suo cammino con una mappa interattiva che verrà completata e integrata con fotografie e pensieri che racconteranno questa sua fantastica esperienza.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136