Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Darfo Boario: inaugurata la spettacolare mostra Leonardo da Vinci 3D

venerdì, 17 luglio 2020

Darfo Boario – Aperta ieri sera, la mostra “Leonardo da Vinci 3D” ha già conquistato il pubblico. Oltre 250 persone, a rotazione, erano presenti al vernissage della mostra su Leonardo che catalizzerà l’estate al Centro Congressi di Darfo Boario Terme (Brescia). L’evento – che ripropone quello presentato un anno fa alla Fabbrica del Vapore di Milano – è stato messo a punto grazie a Paola Abondio, dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo Darfo 2, con il supporto tecnico ed operativo di Stefano Moni di Pakpobox Europe srl e il coordinamento di PromAzioni360 di Loretta Tabarini. “Leonardo da Vinci 3d” permetterà – grazie a grandiose proiezioni e all’utilizzo di ologrammi e della realtà aumentata – di trovarsi faccia a faccia con l’artista fiorentino.

VIDEO

Mostra Leonardo inaugurazioneLA CERIMONIA - All’inaugurazione erano presenti le autorità, il sindaco di Darfo Boario, Ezio Mondini, il vicesindaco Attilio Cristini e l’assessore Giacomo Franzoni, i consiglieri regionali Francesco Ghiroldi e Claudia Carzieri, il presidente della Comunità Montana di Valle Camonica Sandro Bonomelli, il presidente del Gic Unesco Valle dei Segni, Sergio Bonomelli, il vicepresidente di Ersaf, Fabio Lozio, quindi amministratori ed esponenti del mondo della cultura della Valle Camonica.

Stefano Moni di Pakpobox Europe ha illustrato la mostra, quali sono le sue caratteristiche e il legame con la Valle Camonica. “La mostra – ha detto Moni – è coinvolgente, dove la tecnologia contemporanea racconta il maestro del Rinascimento, la sua vita, le sue scoperte, le sue straordinarie opere d’arte”. La mostra “Leonardo da Vinci 3D”, aperta fino al 18 ottobre – è in grado di stupire i visitatori con effetti sorprendenti, scardinando i tradizionali confini, sfidando le leggi della fisica, del tempo e dello spazio con luci, immagini, suoni e colori: è prodotta da Medartec, con la produzione artistica del pluripremiato studio fiorentino Art Media Studio, e realizzata in collaborazione con Fratelli Alinari, il più antico archivio di immagini fotografico al mondo.  Il percorso della mostra è stato delineato da Marilena Bertozzi e Vincenzo Capalbo di Art Media.

bonomelliNel corso della serata inaugurale è intervenuto il presidente della Comunità Montana di Valle Camonica, Sandro Bonomelli (a sinistra nella foto con accanto Paola Abondio), che ha ribadito l’importanza di puntare su eventi culturali che possano interessare abitanti della valle e i turisti. ”Questo – ha sottolineato Bonomelli – è un evento di qualità, molto importante per la nostra valle”.

LA CONFERENZA - Grande interesse ha destato la conferenza su “Lungo l’Oglio: acque e monti di Leonardo” con le relazioni di Sandro Albini, studioso e autore di numerose ricerche e pubblicazioni su Leonardo e Federico Troletti, esperto d’arte, ricercatore e direttore di CaMus di Breno, dove è stata approfondita la suggestiva tesi portata avanti da oltre un decennio da Albini, secondo il quale scorci e paesaggi dell’Oglio e del Sebino avrebbero fatto da sfondo ad alcuni tra i più famosi dipinti di Leonardo da Vinci, dalla Gioconda a Sant’Anna. “Durante le mie ricerche ho avuto un’intuizione – ha spiegato Sandro Albini -: se Leonardo, che era mancino, scriveva “a rovescio”, forse dipingeva anche in quel modo, per cui era possibile riscontrare alcune corrispondenze solo guardando “a rovescio” anche gli sfondi dei suoi dipinti”. Poi Sandro Albini ha svelato: “Se si guarda a rovescio la Gioconda si trova il paesaggio che dal lago d’Iseo sale fino alla Valle Camonica, così come nel dipinto di Sant’Anna si vede il tratto da Breno a Cerveno”.

INFO – La mostra “Leonardo da Vinci 3D” resterà aperta fino al 18 ottobre al Centro Congressi di Darfo Boario Terme con orario continuato dal lunedì al giovedì dalle 9 alle 17 e dal venerdì a domenica e nei festivi dalle 10 alle 21. Gli ampi spazi del Centro Congressi di Darfo Boario prevedono un naturale distanziamento tra i visitatori, che avranno anche la possibilità di un servizio bar e ristoro gestito da “Aglio e Oglio”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136