Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Tre nigeriani arrestati dalla Polizia di Bolzano

venerdì, 8 maggio 2020

Bolzano - Tre nigeriani arrestati dalla Polizia di Bolzano. Al fine di prevenire la commissione di reati, proseguono le attività straordinarie di controllo del territorio, focalizzate su alcune aree del centro cittadino, da parte delle pattuglie della Questura di Bolzano, con l’ausilio di operatori del Reparto Prevenzione Crimine “Veneto” di Padova.

questura polizia bolzanoIeri, nei giardini della Stazione, i componenti di una pattuglia notavano un assembramento di una decina di giovani stranieri, gran parte dei quali comunque muniti di mascherina a copertura del naso e della bocca, e si avvicinavano per identificarli, al fine di verificare la regolarità della loro presenza sul territorio nazionale, nonché per invitarli a rispettare le distanze interpersonali.

Improvvisamente, uno dei presenti inforcava la propria bicicletta e cercava di darsi alla fuga, travolgendo un Agente. Il cittadino straniero veniva bloccato, ma in quel momento intervenivano altri due giovani extracomunitari. Uno di questi brandiva minacciosamente un grosso pezzo di vetro, sagomato a forma di pugnale. Poi entrambi gli intervenuti aggredivano gli operanti.

Solo l’ausilio di altri poliziotti consentiva, con non poche difficoltà, di immobilizzare gli aggressori. Fortunatamente, all’inizio della colluttazione, colui che impugnava il vetro ne perdeva la presa. I tre cittadini stranieri venivano pertanto condotti negli uffici della Questura, dove erano compiutamente identificati come cittadini nigeriani gravati da numerosi precedenti di polizia e dichiarati in arresto. Terminata la stesura degli atti, i tre arrestati sono stati condotti presso il locale carcere, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136