Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad
 
Ad


Strage Piazza della Loggia, protocollo d’intesa tra Provincia e Procura di Brescia

martedì, 10 novembre 2020

Brescia – Siglato a Palazzo Broletto il Protocollo d’intesa tra la Provincia di Brescia e la Procura della Repubblica del capoluogo per l’attività di catalogazione e indicizzazione degli atti processuali del procedimento per la strage di Piazza della Loggia.

protLa Provincia di Brescia, nell’ambito delle proprie finalità, che mirano anche a salvaguardare e valorizzare le diverse risorse culturali e storiche del proprio territorio, persegue da anni, in collaborazione con le realtà associative del territorio, l’obiettivo di fare luce sulle vicende legate alla strage di Piazza della Loggia. La Provincia di Brescia, grazie al protocollo d’intesa stipulato con la Procura della Repubblica di Brescia rappresentata dal Procuratore Francesco Prete, svolgerà servizi di supporto alla Procura di Brescia attraverso attività di catalogazione ed indicizzazione del materiale riguardante i processi della Strage di Piazza Loggia mediante proprio personale che opererà presso la sede della Procura, provvedendo agli oneri retributivi, contributivi, previdenziali ed assicurativi relativi al personale. Le attività da svolgere previste dal protocollo consistono, a titolo di esempio, in riordino e numerazione degli atti e loro indicizzazione, duplicazione di informative e note riorganizzazione di immagini, annotazioni, scritti e documenti di vario genere. Il protocollo d’intesa ha la durata di sei mesi e può essere prorogato.

“Sono onorato – ha dichiarato il presidente della Provincia di Brescia, Samuele Alghisi – di poter contribuire a questa iniziativa, con l’attività di supporto che la Provincia offre, attraverso l’impiego del proprio personale per il lavoro di indicizzazione degli atti del procedimento: la digitalizzazione e la catalogazione di questi documenti permetterà, oltre ai fini processuali, di avere un patrimonio storico di eccezionale valore, a disposizione di tutti noi”.

“Manifesto il mio apprezzamento – ha dichiarato il Procuratore Francesco Prete – per il contributo offerto dalla Provincia di Brescia, in vista dell’impegno processuale di enorme importanza per la collettività”.




© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136