Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Spacciavano in strada a Gavardo, cinque denunciati

lunedì, 5 ottobre 2020

Gavardo – Spacciavano in strada a Gavardo (Brescia), cinque denunciati. Conclusa un’attività d’indagine condotta negli ultimi mesi, i carabinieri hanno ricostruito lo spaccio al dettaglio svolto a Gavardo e nei comuni vicini.

Carabinieri - controlli - BresciaL’inchiesta è partita dalla denuncia in stato di libertà di un cittadino marocchino 42enne che fu fermato nell’agosto del 2019 nei pressi del cimitero di Gavardo con nove dosi di cocaina pronte allo spaccio.

La successiva perquisizione in casa permise di rinvenire altre dosi ed oltre 2.800 euro, provento dell’attività di spaccio. Le successive indagini consentirono di identificare cinque spacciatori e segnalare alla Prefettura 42 assuntori di stupefacenti. Lo spaccio si svolgeva principalmente a Gavardo e Villanuova sul Clisi: i clienti arrivavano dalla Valsabbia, dalla Valtenesi e da Salò. Le attività di spaccio contestate partono dal 2015 ed arrivano al maggio 2020, ancora in epoca di lockdown.

Un lavoro certosino di indagine che ha documentato oltre 1000 cessioni di cocaina e di hashish per un giro d’affari superiore ai 50mila euro. La Procura della Repubblica di Brescia ha emesso sei decreti di perquisizione a carico di altrettanti indagati: cinque spacciatori, tra i 38 ed i 53 anni, tutti cittadini marocchini residenti a Gavardo, Villanuova sul Clisi e Roè Volciano, e un italiano 44enne di Gavardo denunciato per favoreggiamento personale poiché aveva tentato di favorire uno spacciatore fornendo informazioni fuorvianti ai carabinieri.

Le perquisizioni, eseguite con il supporto di quattro unità cinofile dell’Arma, hanno permesso di rafforzare il quadro probatorio a carico degli indagati anche con il rinvenire e contestuale sequestro di ulteriori 30 grammi di sostanza stupefacente di vario tipo.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136